#UNINTSPORT: LE PAGELLE IGNORANTI. LA PARTITA DEL 4 MARZO 2020

Pubblicato il

Lorenzo Pizzuti: 2. Come i gol subiti. Viene elogiato ogni settimana, ma questa volta, senza apparente motivo, si prende una bocciatura. Forse per la lite con il Mister, o forse no. COMUNQUE BELLISSIMO

Silvio Negretto: 6.5. Che dura la vita da bomber. Schierato titolare non riesce a incidere come vorrebbe. Fisico e voglia non bastano, a quanto pare servono anche i piedi. VERO NUEVE

Sofian Ayoub: 9. Finalmente una gran partita. Nonostante il poco minutaggio segna una doppietta. So, Su, Sussu, chiamatelo come volete, lui risponderà presente. AYO

Francesco Nicolosi: 6. Entra e comincia a litigare per difendere la Juve. Ciccio e l’Inter sono nemici per natura: come Ciccio e Lorenzo, come Ciccio e Silvio, come Ciccio e Ciccio. Maledetti Ciccio, hanno rovinato la Sicilia! (semicit. Willie il giardiniere). CAMPIONATO FALSATO

Davide D’Amore: 8. Capigliatura da fante di bastoni e si va a comandare. In squadra da poche settimane ma è già un veterano. ABBIAMO LA SUA FOTO?

Costantino Porcu: 8. Un talento naturale. Ha una media di 2 palloni toccati e 2 gol in questo campionato. Dal suo gol nasce la crisi della John Cabot. IL GOL DEL KO

Dario Martufi: 10. In settimana mi ha dato un passaggio in macchina. In qualche modo devo sdebitarmi. Voto meritatissimo. Ha anche giocato? TAXI DARIER

Francesco Ristori: 9. Se la memoria non mi tradisce, è il suo esordio. Se non è il suo esordio, è comunque la prima volta che gioca per più di 34 secondi. Sfiora anche il gol e si prende gli applausi dal suo pubblico. IL NUOVO PUPILLO

Maxim Burac: 8. Ma quanto è forte? Nuovo look da muratore e va subito a segno con un missile dalla distanza. Seguitelo su IG. IOSONOMAXIM

Walter Caruso: 8. Si presenta con un documento in bianco e nero. Pochissimo bianco. In campo fa quello che vuole. A 10 minuti dalla fine si stufa e se ne va. SCUSATE HO UNA CENA

Alessandro Putano: 10. E meno male che era mezzo infortunato. Entra e dà la svolta alla partita. PS: agli allenamenti non c’è, ma a cena sì. AUGURI SANDRONE

Valentin D’Amico: 6.5. Gioca fuori ruolo, e si vede. Gestisce tanti palloni e ne perde altrettanti, ma almeno è costante e coerente. CARMINE TORNA PER FAVORE

Vanni Nicolì: 10. È nervoso, e non si lascia mettere i piedi in testa. Un vero leader, un vero Mister. Pretende e ottiene. Ottiene un bel calcio in c*lo dal capitano. AHIA

Tifosi: 1000. Nel primo tempo sostengono la squadra. Nel secondo tempo si innamorano di Abdul Aboushweisha, attaccante e portiere della John Cabot. TIFOSI A TUTTO TONDO

Valentin D’Amico 

#UNINTSPORT: LE PAGELLE IGNORANTI. LA PARTITA DEL 27 FEBBRAIO 2020

Pubblicato il

Lorenzo Pizzuti: 120. La sua altezza in centimetri. Quando viene chiamato in causa risponde presente, nella sua splendida divisa XS bambino. Nel dubbio riesce ad innervosirsi anche sul 10-0. PICCOLO MA CATTIVO

Carmine Caputo: 3. Aveva una missione. Solo una. Prendere un cartellino giallo. Non ce l’ha fatta. Bocciatura piena per il “Miglior fumatore d’Italia 2020” appena proclamato all’unanimità da me stesso. COMPLIMENTI

Silvio Negretto: 10. Si presenta senza barba e va a segno per la seconda volta nella sua carriera. L’ultimo suo gol risaliva alla lontana estate del 1999 al prestigiosissimo Torneo Infrasettimanale dei Fenicotteri veneti. SHAVE LIKE A BAMBÙ (semicit.)

Davide Polletta: 3+1. Vedi Carmine Caputo. Il +1 è per il gol segnato. Si vede che ha ripreso la sua dieta ferrea a base di birra e amianto. KYLIAN M’BAFFÈ (cit.)

Sofian Ayoub: 7. Stava per segnare il gol più bello della sua vita facendo partire un razzo terra-aria da ben 27mm dalla riga della porta. Gol che gli viene incredibilmente rubato dal ladro Ciccio. QUASI GOL

Francesco Nicolosi aka Ciccio: 8. Il talento siciliano ci delizia danzando sul pallone con classe. Entro la fine dell’anno riuscirà a non cascare alla finte che egli stesso realizza. Ruba un gol già fatto (vedi sopra, ndr). ARSENIO LUPIN

Davide D’Amore: 6,5. Il nostro Davide The Love è un po’ sottotono, complice San Valentino che non c’entra niente ma è passato senza salutare. 14 FEBBRAIO

Alessandro Aiala: 6. Sei politico. Non era presente ma ce l’avevo in lista. ASSENTE

Costantino Porcu: 9. Dopo 4 mesi scopriamo che in realtà si chiama Carlo. Un campione. Gioca poco anche lui, spaventato dalle notizie sulle quarantene sulle sue navi. COSTA CROCIERE

Maxim Burac: 2. Così impara a rispondere sul gruppo WhatsApp della squadra con 3.000 emojis. Gioca pochi minuti ma riesce a mostrare le sue capacità a scarpe invertite. FANTASTICO

Walter Caruso: 27. Il voto che avrebbe preso se fosse stato schierato titolare al Fantacalcio. Anche oggi non va in bianco, segnando ben 6 gol. Difficile vada in bianco anche in futuro. GRAZIE OSTIANTICA CALCIO

Alessandro Putano: 8. A sorpresa non è tra i titolari, e si capisce subito il motivo. Tira fuori da dietro la panchina una borsa frigo con la peperonata del giorno prima. Poi purtroppo entra e rovina tutto con una doppietta. FAME DI GOL

Valentin D’Amico: 1. Gioca solo 10 minuti (egregiamente, ndr). Viene convocato solo per scrivere le pagelle. Ed eccolo qua, alle 23.10 di un piovoso giovedì ad elogiare i suoi compagni con queste dolci parole. Comunque il miglior panchinaro della squadra, che giocatore. GRAZIE MISTER

Vanni Nicolì: 1. I suoi in campo fanno faville, ha quindi la possibilità di far giocate tutti. Per colpa sua le pagelle da scrivere sono 12, ecco spiegata la bocciatura. MAGNANIMO

Tifosi: 1000. Freddo, caldo (non ancora ma arriverà), sole, luna, pioggia, loro sono sempre presenti. Cantano senza mai fermarsi. 11 gol dedicati a loro. 4 STAGIONI

Valentin D’Amico

#UNINTSPORT: LE PAGELLE IGNORANTI. LA PARTITA DEL 6 FEBBRAIO 2020

Pubblicato il

Lorenzo Pizzuti: 10. Che meraviglia vederlo tra i pali. Se è vero che “altezza è mezza bellezza” allora lui è incredibilmente brutto, ma forte. MOSTRICCIATTOLO

Carmine Caputo: 10. Sempre una certezza in difesa. Si lancia su tutti i palloni nonostante qualche linea di febbre, 36 sigarette pre-partita e 6 gin-tonic ancora da smaltire. MOSTRO

Silvio Negretto: 7. Qualche minuto anche per lui. La storia della mezza bellezza con lui vale, però è scarso. Un giusto compromesso. CARINO

Sofian Ayoub: 6. Agli allenamenti scopre che a calcetto bisogna anche correre. Prima o poi riuscirà ad avere un’autonomia di 300 metri, ma sicuramente non è stato questa volta. CHE FATICA

Davide D’Amore: 8. Il nuovo arrivato è una piacevole sorpresa. Sa già cosa deve fare. Non ci sarà una foto per lui, venite a scoprire chi è alla prossima partita. INDOVINA CHI

Alessandro Alaia: 6. Ha la possibilità di mettersi in mostra ma preferisce inciampare su una zolla che solo lui vede. Prevista un’altra doccia fredda. QUE CALOR

Maxim Burac: 8. Il Burac Yilmaz più bello della storia del calcio. Zitto zitto riesce a litigare senza motivo con gli avversari. Mezzo punto in più solo per questo motivo. DAI SEMPRE IL MAXIMO

Walter Caruso: 9,5. L’ex dirigente appende la cravatta al chiodo e indossa gli scarpini. E meno male. È già un punto di riferimento andando a segno 3 volte. Mezzo punto in meno per il nervosismo e le proteste. ARRABBIATO NERO

Alessandro Putano: 10. Gli effetti della dieta si vedono. 3 assist e 2 gol di cui uno di tacco. Che serata. È forte e magro… ah no, aspettate, questa era la pagella di Sandrone, ho sbagliato. BUON APPETITO

Valentin D’Amico: 1000. Ha segnato 3 gol, sì, proprio lui (che tra l’altro sono io, ndr). Che giocatore, che potenza, che piedi. L’università gli permette ancora di scrivere la pagelle, tanto Vale auto-celebrarsi. U-MILLE

Vanni Nicolì: 8. Mister al ritorno dalle vacanze alle Maldive…du Salentu. Concede carta bianca ai suoi, che gli regalano la prima importantissima vittoria in casa. BELLA VITA

Tifosi: 10. Prima causa del riscaldamento globale. Che caldi (e calde). La vittoria è per loro. BELLISSIM-I/E

Valentin D’Amico 

#UNINTSPORT: LE PAGELLE IGNORANTI. LA PARTITA DEL 18 DICEMBRE 2019

Pubblicato il

Alessandro De Nisco: Pur non facendo parte del personale tecnico-amministrativo si immola per la causa. Tanta, tantissima tecnica quando ha il pallone. Lo vediamo per la prima volta senza giacca e cravatta, e non delude le aspettative con un outfit da vero professionista. STABILO THE BOSS

Fabio Bisogni: Trova in un negozio di antiquariato di Notthing Hill la maglia del Newcastle del mitico centravanti Alan Shearer. Il Newcastle ha vinto l’ultimo campionato nel 1927 e forse un motivo ci sarà. In evidente debito d’ossigeno va in panchina in attesa dell’arrivo dell’unità mobile di rianimazione cardiologica della Asl Roma 1. In preda a visioni mistiche e dopo il ricambio completo del sangue torna in campo e segna uno splendido gol da fuori area. REVENANT

Emanuele Imbrighi: Rimasto imbrigliato nella velocità supersonica di un bradipo dopo IL cenone natalizio, prova a dribblare se stesso senza successo. BRADYPUS TORQUATUS

Paolo Ferranti: Una creatura mitologica nata dall’incrocio tra Rudolf Nureyev e Lorella Cuccarini. Corre in punta di piedi per non rovinare il campo appena ricondizionato. FATA VOLANTE

Alessandro Mecarelli: Viene catapultato in campo direttamente dalla sala informatica. Dopo una pallonata sulla nuca e una perdita di memoria temporanea di circa 2 Tera, vaga nel campo avanti e indietro alla ricerca della nuova password per il WiFi. MISSING IN ACTION

Carlo di Paolo: Approfitta della somiglianza con Carlitos Tevez e indossa la maglia del Boca Junior di De Rossi, ma i due in comune hanno solo la città di nascita. Nonostante questo gli avversari non sono disorientati e lui, dipendente esemplare, a fine partita si rimette subito a lavorare seppur demoralizzato dal risultato. APACHE

Lorenzo Pizzuti: Finalmente si trova di fronte a giocatori con una densità di capelli in testa pari alla sua. Nel secondo tempo infatti si unisce a loro. Abbandona la divisa da pulcino per quella da draghetto. Gioca solo per esaltare la sua principessa sugli spalti. CIUCHINO

Alessandro Putano: Entra in campo perché gli è stato promesso il rinfresco a fine partita. Segna subito qualche gol per non sentirsi in colpa, dopo di che “blackout totale”. Vede solo torroni e panettoni. BUON NATALE SANDRONE

Ludovico Vagnarelli: L’idolo della tribuna rosa. Seduce chiunque con il pallone tra i piedi. Attanagliato dai soliti problemi al ginocchio, si distende a bordo campo per uno shooting fotografico. DICEMBRE

Vanni Nicolì: Il Mister più versatile del mondo. Oggi lo ritroviamo in mezzo ai suoi giocatori. Forse era meglio quando stava a bordo campo. Fare l’allenatore-giocatore non è da tutti. KEISUKE HONDA

Dario Martufi: Tantissimo spazio per lui in questa amichevole, ma ha capito dov’è la porta? Sfoggia una meravigliosa divisa da gelataio, e per non deludere il suo datore di lavoro, segna con un cucchiaio. NOCCIOLA E PISTACCHIO GRAZIE

Silvio Negretto: Ringraziamo gli organizzatori della partita per avergli permesso di tornare in campo. Spara un pallone nella Via Lattea per ricordare a tutti il motivo per cui, di solito, si adagia comodamente in panchina. NEIL ARMSTRONG

Carmine Caputo: Si presenta in campo con 15 minuti di ritardo e una faccia molto molto molto stanca. Cos’ha fatto la sera prima? Gioca qualche minuto e per fortuna poi va a riposarsi in porta. THE DAY AFTER YESTERDAY

Sofian Ayoub: A causa di un intoppo burocratico non può giocare in campionato. È quindi il suo esordio stagionale. Va subito a segno e poi subisce la mancanza di una preparazione atletica completa. CI VEDIAMO A FEBBRAIO

Flavio Aniello: Il macellaio più bello della Campania. Gli viene ricordato in numerose occasioni che si tratta di un’amichevole per evitare incidenti diplomatici e non. Colleziona qualche costola da fare alla griglia. ANDATE AL SUO APERILINGUA, ABBAIA MA NON MORDE

Tifosi: Per la prima volta assistiamo ad uno scontro pacifico tra curve. Curva Nord stracolma di giovani e giovanissimi. Curva Sud stracolma di studenti. Non c’era miglior modo per concludere l’anno. BUONE FESTE A TUTTI

Valentin D’Amico con il “tocco” di Armando Bonanni

#UnintSport: Le pagelle ignoranti. La partita del 12 dicembre 2019

Pubblicato il



Lorenzo Pizzuti: 9. La partita finisce 3-5 perché lo ha deciso lui. Non fa entrare neanche i moscerini in porta. I gol subiti sono dovuti allo stress da apparizione televisiva. AMADEUS

Carmine Caputo: 8,5. L’unico giocatore di movimento a meritare un voto alto. Nonostante lo stato febbrile mette a segno una doppietta e guida la difesa. Più che un muro è un ariete. TACHIPIRINA A 1000

Davide Polletta: 6. Un jolly in campo. Gli viene chiesto di coprire qualsiasi ruolo e non sa più che fare. Perché non va più al Chiringuito? CONFUSO

Valentin D’Amico: 6. Entra in campo spavaldissimo con gli scarpini nuovi di Neymar, purtroppo i piedi non erano inclusi nel prezzo. Passa metà partita a cercare gli attaccanti e metà partita a cercare la lente nell’occhio. CICLOPE

Alessandro Putano: 4. Voto severo nonostante il gol su punizione. Da lui ci si aspetta di più. Forse la dieta a base di panettoni che si è auto-prescritto non funziona. Come lo ritroveremo al rientro dalle vacanze? ENOGASTRONOMICO

Vanni Nicolì: 6. Anche lui subisce molto lo stress da intervista di Rete Oro. Cambia continuamente ruoli e moduli. Mai soddisfatto, sempre arrabbiato. Che classe però. GUARDA È GUARDIOLA

Ludovico Vagnarelli: 8. Per il coraggio. Entra in in campo per provare a strappare il pareggio, rischiando di strapparsi qualsiasi parte del ginocchio. Quella maglia taglia M gli sta proprio bene. MONDIALE

Dario Martufi: 6. Vedi Costantino Porcu. PS: la Lazio ha perso poi? DARIO MARGUFO

Costantino Porcu: 6. Gli vengono concessi pochi minuti di gioco per mettersi in mostra, ma neanche lui riesce a incidere. La sorpresa della serata è la doccia bollente a fine partita con la quale recupera la mobilità del mignolo. COAST TO COSTA (Cit. Baffo)

Tifosi: 100. Nonostante le prime sconfitte, loro continuano a essere presenti e numerosi. Sono un tutt’uno con gli spalti. A breve anche con il permafrost. BRRRRRUTTI SON ALTRI

Valentin D’Amico

#UNINTSport: Le pagelle ignoranti. La partita del 5 dicembre

Pubblicato il

Lorenzo Pizzuti: 10. Si fa impallinare sui calci piazzati, ma non è mai colpa sua. Solita grandissima prestazione del portiere-capitano. Sembra anche cresciuto dalla settimana scorsa. LORENZINO IL MAGNIFICO

Carmine Caputo: 10. Come le sigarette fumate prima di entrare in campo. Si sbuccia le ginocchia e prende botte da chiunque, ma non molla 1cm in campo. Gli ultras lo amano. BEVO COCA-COLA CON L’IMBUTO MI UBRIACO DI CAPUTO

Davide Polletta: 10. Gli viene chiesto di gestire l’attacco e risponde con una valanga di assist. Sembra anche piuttosto calmo in campo, le punture di valeriana hanno funzionato. KEEP CALM AND ASSIST

Valentin D’Amico: : 15. 5 punti in più degli altri solo perché si scrive da solo la pagella. In 50 minuti fa tutto: corre due maratone, gonfia un pallone, segna, cerca una bombola di ossigeno, difende, gioca a pallavolo. VALE ZAYTSEV

Alessandro Putano: 5+5. Come i gol e le teglie di pizza a fine partita. Devastante, segna sia da fermo che in movimento. Quando giunge il momento della cena si siede e non ce n’è più per nessuno. IL GOL E L’OLIVARO

Vanni Nicolì: 10. Sta una settimana per preparare la partita perfetta, ne sceglie 5 e non cambia più niente. Serata di relax tattico, di urla e di polemiche con l’arbitro. Peccato per il risultato, ma è pronto per la serie A. MAURIZIO VARRI

Tifosi: 100. A fine anno sarà il numero di abbonamenti venduti dall’UNINT. Che forza, che energia, che freddo. Grazie a tutti. Se solo Lorenzo vi pagasse la cena… TANTI MA BUONI

Valentin D’Amico

#UNINTSport: Le pagelle ignoranti. La partita del 27 novembre

Pubblicato il

Lorenzo Pizzuti: 8. Prima o poi ci stuferemo di dire che è forte. Prima o poi ci stuferemo di dire che è basso. Ma non è questo il giorno. Non molla neanche la tuta dei Minion. CATTIVISSIMO LUI

Carmine Caputo: 9. In dubbio fino a qualche minuto prima della partita per la sua condizione fisica, entra in campo e domina. Onnipresente in difesa, cecchino in attacco. CARMINATOR

Davide Polletta: 7,5. Uomo assist della partita. 3 passaggi decisivi e tanta, tantissima corsa. Nel finale viene coinvolto in una maxi rissa composta da 3 persone: lui, sé stesso e sé medesimo. RISSOSO

Valentin D’Amico: 7,5. Torna finalmente al gol. Smista palloni, corre, difende, ma quando si tratta di tirare ha i piedi montati al contrario. LEGO

Alessandro Putano: 8. L’orario della partita gli permette di cenare prima, ma si tiene leggero: 4 teglie di lasagne, 2 piatti di pasta e un arrosto di maiale. Digerisce nel primo tempo, si sveglia nel secondo con la solita doppietta. MAMMA BUTTA LA PASTA

Vanni Nicolì: 9. Non è contento dei suoi, cambia, scambia, sperimenta, e alla fine ha ragione lui. Altra vittoria per i suoi e vetta solitaria aspettando le altre partite. Nervoso sul finale, se ne va. CHI L’HA VISTO?

Walter Caruso: 2. Bocciatura per il dirigente questa settimana. Non mette a disposizione la macchina, non si occupa dei documenti, fuma in campo intossicando i suoi. GRAZIE PER IL PASSAGGIO

Dario Martufi: 7. Premiamo i movimenti. Sa cosa deve fare, sa dove andare in campo, sa tutto. Ma la palla? SAPUTELLO

Silvio Negretto: 9,5. AAA: esordio stagionale. Dopo aver provato tutte le panchine della Capitale si ritrova incredibilmente in campo. L’unico giocatore al mondo ad essere semi-ambidestro: non la stoppa né di destro né di sinistro. SILVIO IL MAGNIFICO

Flavio Aniello: 10. Chiamato dal Mister per aiutare una squadra più in infermeria che in campo, regala una prestazione da 7 minuti. Fa 4 falli, spacca 2 caviglie, asporta un rene e si risiede. MACELLAIO

Tifosi: 10. Per la prima volta dall’inizio del campionato il clima permette loro di avere una temperatura corporea superiore ai 35°C. Il calore si vede, e quando spingono loro, i ragazzi in campo segnano. FONDAMENTALI

Valentin D’Amico

#UNINTSport: Le pagelle ignoranti. La partita del 20 novembre

Pubblicato il

Lorenzo Pizzuti: 8. Piccolo e giallo. La sua pagella potrebbe finire qui, ma purtroppo è forte e qualcosa di bello bisogna scrivere. Le partite le vince lui dalla porta. PULCINO

Carmine Caputo: 9 Speriamo non smetta di fumare. Oggi è chiamato a dirigere il reparto difensivo dove si dimostra incredibilmente forte. Ottime ripartenze nonostante le botte continue che riceve. MURO

Davide Polletta: 7,5. Trova un gol che è più autogol che gol, ma esulta come fosse suo. E fa bene. Mezzo punto in meno per la parata di mano non apprezzata dall’arbitro. MILA & BAFFO

Valentin D’Amico: 7. Un ottimo avvio di gara, poi sul lungo termine fatica un po’ per mancanza di fiato e schiena acciaccata. Alla prossima deve segnare altrimenti Mister Nicolì lo sgrida. VECCHIETTOO

Alessandro Putano: 9. Deve riprendersi dalla figuraccia all’esonero di spagnolo. Con grinta e un po’ di sano nervosismo segna un’altra doppietta. Non lo ferma più nessuno. CALIENTE

Vanni Nicolì: 8. Due vittorie e un pareggio nelle sue prime tre panchine nel mondo del pallone. Si porta dietro una serie di consiglieri ad ogni partita che lo aiutano a recuperare un po’ di ossigeno tra un urlo e l’altro. PAVAROTTI

Costantino Porcu: 6,5. Anche oggi crea poco, complice Pizzuti che lo intimorisce con le sue urla dopo pochi istanti di gioco. Sfiora il gol nella ripresa. PACE?

Francesco Ristori (aka Chiesa): 10. Il dirigente Caruso abbandona la squadra qualche istante prima del fischio d’inizio e lo sostituisce il buon Chiesa. Bravissimo a non litigare con gli arbitri, bravissimo a non litigare con gli avversari, bravissimo con il cronometro in mano. La leggenda narra che abbia parlato intorno al 48º minuto. SILENZIOSO

Panchina e tifosi: 10. Oggi in versione WWF salvano un cucciolo di cane prima di arrivare allo stadium. Scaldano il piccolino e tutti i nostri cuori. Vittoria dedicata a loro. BRAVI E BELLI

Valentin D’Amico

#UNINTSport: Le pagelle ignoranti. La partita del 14 novembre

Pubblicato il

Lorenzo Pizzuti: 8. Il migliore dei suoi anche oggi, fino a quando scivola su una buccia di banana e concede un gol osceno. MARIO KART

Ludovico Vagnarelli: 7. Forte, ma fatica a trovare spazi. Esce prematuro per un infortunio al ginocchio che in realtà si scopre essere la scusa per ricevere la standing ovation dal suo fan club. IDOLO DELLE FOLLE

Carmine Caputo: 7,5. Trova finalmente la via del gol, e viene poi chiamato a sostituire il centrale, dove non sfigura affatto. La domanda che tutti si fanno è: se non fumasse, chi lo fermerebbe? TURCO

Davide Polletta: 7. Apre le marcature per la sua squadra e apre un varco nella ringhiera per raggiungere i suoi fan. Nel secondo tempo finisce l’ossigeno, forse per colpa della serata precedente. CHIRINGUITO

Valentin D’Amico: 5. Primo tempo inesistente. Entra in campo freddo come il ghiaccio e regala un gol agli avversari. Si scalda nel secondo tempo ed è l’ultimo a mollare per farsi perdonare. ICEBERG

Alessandro Putano: 7,5. Bomber di razza. Doppietta anche oggi che regala il pareggio ai suoi. Mezzo punto in meno per il nervosismo, sembra gli abbiano rubato il motorino. IRA DI ACHILLE

Vanni Nicolì: 9. Pur di essere presente rischia di farsi cacciare dalla residenza dove alloggia. Sfoggia l’abito della domenica e dirige la squadra con sicurezza. Urla, urla tantissimo. L’ABITO FA IL MONACO

Walter Caruso: 9. Dirigente, allenatore, segretario, consigliere. Fa tutto e aiuta i suoi con preziosi consigli. Scappa con i documenti a fine partita. DIABOLIK

Panchina e tifosi: 10. Fondamentali per la rimonta. Urlano e incoraggiano i loro pupilli. Belli e belli infreddoliti. POLARETTI

Valentin D’Amico

#UNINT Pagelle ignoranti. La partita del 7 novembre 2019

Pubblicato il

Lorenzo Pizzuti: 8,5. Più che un portiere sembrava una cavaletta. Salta su tutti i palloni, insulta chiunque gli si metta davanti. Mezzo punto in meno per essersi presentato in campo senza la divisa ufficiale XXL. BASSO

Ludovico Vagnarelli: 8. Si presenta con una maglia XXS per far vedere il fisico. Gli avversari si spaventano e non fa passare nessuno. Con il gol mette la ciliegina sulla torta. MUSCOLOSO

Manuel Michelacci: 8. Grande talento romagnolo, nasconde il pallone agli avversari, ma gli avversari trovano le sue caviglie. Fondamentale ma debole di articolazioni. CRISTALLINO

Davide Polletta: 7,5. Corre, scalcia, il gol più bello è il suo. Salta sulla ringhiera insieme ai suoi tifosi. Cos’altro chiedergli? Il gel per baffi. FASHION

Valentin D’Amico: 7,5. Si alterna con Davide per riprendere fiato. L’età avanza. Grazie al suo gol del 6-5 Lorenzo Pizzuti recupera qualche anno di vita. FRANCESE

Costantino Porcu: 7,5. Zitto zitto entra dalla panchina a pochi minuti dalla fine e firma il 7-5 che fa rilassare tutti. SARDO

Alessandro Putano: 8. I primi due gol sono suoi. È in partita. Ci mette il fisico. Nel secondo tempo pensa alla peperonata e si riposa. AFFAMATO

Carmine Caputo: 7,5. Non segna ma corre tutta la partita. Passaggi sempre sicuri, palloni recuperati. La sicurezza dei fantallenatori. CICCIO CAPUTO

Silvio Negretto: 10º di temperatura percepita dopo una partita tutta in panchina. Sesto uomo. Tiene compagnia all’allenatore. SCALDAPANCHINE

Vanni Nicolì: 9. L’allenatore più rilassato della storia del calcio a 5. Non urla mai, ma azzecca tutti i cambi. CASA E CHIESA

Walter Caruso: 10. Dirigente. Uguale a Vanni, sempre tranquillo, sempre pronto a placare gli animi, eppure riesce a farsi cacciare dall’arbitro. PACIFICO

Valentin D’Amico