#LUXURYMOMENTS: #GLAMYTASTE

Pubblicato il

Chicken Paella
The super-easy, super-healthy, super-smiley recipe for the new fresh year

Indications:
Serves: 2
Preparation time: 10 minutes
Cooking time: 50 minutes
Difficulty: Easy (single approved!)

Ingredients:
• ¼ teaspoon saffron threads
• 3 teaspoons olive oil
• 7 oz (about 200 g) boneless, skinless chicken breasts, cut into bite-sized pieces
• Sea salt and ground black pepper
• ½ small brown onion, diced
• 1 garlic clove, crushed
• 2 teaspoons sweet paprika
• 1 ¼ cups salt-reduced vegetable stock
• 4 ¼ oz (about 114 g) brown rice
• ½ medium red bell pepper, seeds removed and sliced
• 5 oz (about 142g) tinned crushed tomatoes
• 1 ¾ oz (about 54 g) frozen peas
• 2 teaspoons chopped fresh parsley
• 1 tablespoon pine nuts and lemon wedges, to serve

How to:
Place the saffron threads in a small bowl with 2 teaspoons of boiling water and set aside. Heat half of the oil in a large non-stick fry pan over medium heat. Add the chicken and cook for 5-6 minutes or until browned. Transfer to a heatproof bowl and set aside to rest. Season with salt and pepper, if desired.
Heat the remaining oil in the pan over medium heat. Add the onion and cook for 3-4 minutes or until soft and translucent. Add the garlic and cook for 1 minute, stirring frequently. Add paprika and cook for a further 2 minutes, stirring frequently.
Return the chicken to the pan, Add ½ cup of the stock and reduce the heat to medium-low. Simmer for 10 minutes or until almost all the liquid has been absorbed, stirring occasionally.
Add the peas and the remaining stock and simmer for further 5-8 minutes until the stock has been absorbed and the rice is tender. If the stock is all used and the rice is not ready, just add ½ cup of hot water at a time until all the rice is completely cooked. Stir through the parsley and pine nuts. Season with salt and black pepper, if desired.
To serve, place the chicken paella in two serving bowls. Serve with lemon wedges on the side.

Fanny Trivigno

Source:
Itsines K, (2016). “The Bikini Body: 28 -days healthy, eating & lifestyle guide”, St.Martin’s Press, 175 fifth avenue, New York (NY)

#LUXURYMOMENTS: #GLAMYTASTE

Pubblicato il

English Pudding recipes: a Christmas Carol to taste!

From Charles Dickens tales, we are glad to suggest a version on the traditional plum English pudding elaborated by the author and food historian Pen Vogler. She is a food historian and curator of the exhibition “Food Glorious Food: Dinner with Dickens”. As a food historian and specialist in food in literature, she is also the author of “Dinner with Mr. Darcy”, “Tea with Jane Austen” and “Penguin’s Great Food series” edited in 2011.

The following recipe, at the beginning a little different in terms of taste, is the original (or most likely so) Victorian Christmas pudding brought to life by Dickens in Christmas Carol. There, the extraordinary maker Mrs. Cratchit is able perfectly to embody the festive and joyful atmosphere typical of Charles Dickens’ Christmas meaning.

Ingredients:
85 grams of plain flour
Pinch of salt
170g Veg or beef Suet
140g of brown sugar
1 teaspoon mixed spice
170g of breadcrumbs
170 grams of raisins
170 grams of currants
55 grams of cut mixed peel
1 apple
3 eggs, beaten
140ml of brandy
Butter for greasing

Fanny Trivigno

Sources:
https://www.youtube.com/watch?v=-QvVDy9z6Nk
https://fromthelarder.co.uk/traditional-christmas-pudding/

#LUXURYMOMENTS: #GLAMYTASTE

Pubblicato il

Lo strudel trentino: “Winter must eat”

Lo strudel è un dolce tipico con mele, uvetta, pinoli, cannella e pasta sfoglia accomunato all’Austria e al Trentino Alto-Adige. Il dolce rappresenta un vero e proprio must per le stagioni fredde grazie alla quantità di mele disponibile sul mercato, inoltre la sua preparazione non è particolarmente impegnativa sia che il suo ripieno venga avvolto dalla pasta sfoglia più leggera o dalla pasta frolla più consistente, il risultato è sempre garantito grazie ad alcuni accorgimenti durante la preparazione.

Per quanto riguarda la sua storia, lo Strudel parte da origini orientali, riportandoci indietro fino alla Mesopotamia. È stato infatti trovato un manoscritto del VIII secolo a.C. in cui si parla di un dessert preparato alla corte assira composto da una serie di strati sottili di sfoglia farciti con mele, frutta secca e miele. Da quel momento l’invitante dessert comincia a viaggiare per il mondo: dalla Turchia alla Grecia per tutto il Mediterraneo, evolvendosi attraverso l’uso di una pasta sfoglia croccante. Dalla combinazione della pasta croccante e la frutta secca si arrivò alla realizzazione di piccoli dolcetti monoporzione con pinoli, pistacchi, sfoglia e melassa spesso consumati a colazione. Questi dolci presero il nome di Baklavà e si diffusero in maniera incredibilmente celere grazie ai mercanti delle rotte Asia-Europa Orientale. In seguito, la ricetta fu rivisita dai pasticceri turchi che, intuendo il grande potenziale dei prodotti utilizzati, cercarono di apportare delle modifiche in base al gusto dei loro clienti. La sfoglia utilizzata per la preparazione del dessert, ormai disponibile in molte varianti, non era più la “classica” ma piuttosto rappresentava un’alternativa più leggera forse proprio per bilanciare la ricchezza del suo ripieno. Col passare degli anni, i dolcetti di pasta sfoglia passarono dalla Turchia all’Ungheria dove crebbero anche di dimensione racchiudendo sempre frutta secca, frutta fresca o composte. Successivamente quando nel 1699 l’Ungheria venne annessa all’Impero Austro-Ungarico, il dolce ormai divenuto celebre venne importato a Vienna e prese subito il nome di strudel che letteralmente significa “rotolo” o “vortice”. Qui i pasticceri austriaci lo modificarono ulteriormente: rinnovarono la sfoglia ormai sottilissima ed aggiunsero ingredienti tipici della zona. Vennero quindi impiegate le mele, l’uvetta ed i pinoli dichiarando la svolta del famoso dolce denominato Apfelsrudel.

Oggi Vi propongo una ricetta altoatesina, tutelata con un disciplinare che ne stabilisce gli ingredienti e che garantisce che la ricetta originale della pasticceria italiana venga riprodotta come segue.

Ingredienti per la sfoglia sottile:

  • 300 g di farina
  • 100 ml di acqua
  • 3 cucchiai di olio di semi
  • 1 uovo
  • 1 pizzico di sale

Ingredienti per la farcitura:

  • 50 g di zucchero
  • 50 g di pangrattato
  • 800 g di mele sbucciate e tagliate a fettine
  • 50 g di uvetta
  • 2 cucchiai di rum
  • 30 g di pinoli
  • 50 g di burro
  • 40 g di pinoli
  • 1 pizzico di cannella

Fanny Trivigno

Sources:

https://www.tribugolosa.com/articoli-2001-vi-sveliamo-i-trucchi-per-un-vero-strudel-trentino.htm

https://www.paginegialle.it/magazine/food/lo-strudel-origine-e-storia-di-un-dolce-invernale-2397

#LUXURYMOMENTS:

Pubblicato il

La Rome Fashion Week
Altaroma

L’aria di Roma in questa ultima settimana è stata colma di novità: il contraccolpo al rigido periodo del lockdown ha decretato l’accavallarsi di diverse iniziative nella capitale dallo sport con la BNL- internazionali di tennis 2020 alla moda con le tre giornate di ALTAROMA, dal 15 al 17 settembre.

I temi cari di questa season “fuori stagione” sono stati diversi: il 15 settembre si è aperta la tavola rotonda incentrata sul tema istituzioni e creatività dei giovani del Made in Italy con Silvia Venturini Fendi, Presidente di Altaroma, Lorenzo Travaglianti, Presidente della Camera di Commercio, Virginia Raggi, Sindaco di Roma, Paolo Orneli, Assessore sviluppo economico della regione Lazio, Pasquale Salzano, Presidente Simest e Carlo Maria Ferro, Presidente ICE. I temi della “Talk Altaroma” si sono susseguiti e hanno riguardato l’innovazione, la sostenibilità per il mondo delle start-up, le nuove imprese creative con la partecipazione di Laura Puricelli di Digital Fashion&Luxury, Iris Skrami, co-founder di Renoon, Martina Rogato, Sustainability Advisor, Martina Spadafora, Fashion Revolution, Bav Tailor designer BAV TAILOR e Francesca Pievani designer Fili Pari. In conclusione, nella giornata del 17 settembre, il terzo tema del talk di Altaroma ha riguardato i nuovi mestieri e le nuove opportunità nel mondo della Moda per le nuove generazioni con la partecipazione di Federica Cavriana di Fondazione Cologni, Stefania Lazzaroni, Direttore Generale Altagamma, Michele Michilli, Responsabile Promozione e Sviluppo Lazio Innova, Cristina Pozzi Ceo Impactscool e Annamaria Tartagli, founder di TheBrand Sitter.

Dalla sede del Palazzo Brancaccio, la Rome fashion week ha risvegliato il buon umore del suo pubblico, seppur ristretto, proponendo delle collezioni inedite disponibili anche sulla piattaforma Altaroma Digital Runaway.

Sullo sfondo del grande dubbio creato dal Covid, la proposta della realizzazione di una fashion week si configura come una dimostrazione di coraggio per molti ma anche una grande prova di investimento e di commitment per il futuro. La ripartenza di Altaroma è una notizia non isolata, se si considera anche la ripartenza del Roma Europa Festival e l’accordo stipulato dalla Camera di Commercio per quanto riguarda il settore fieristico, il tutto rappresenta un fermento lavorativo completamente assente nei mesi appena trascorsi che ci lascia ben sperare. La voglia di ripartire c’è ed è tangibile soprattutto in settori come la moda ed il design che rappresentano i capisaldi per ricostruire un nuovo modello di sviluppo.

Ripartire sì, ma in sicurezza …

Altaroma è stata e continua ed essere un laboratorio che svolge la funzione di un vero e proprio hub per quanto riguarda la creatività e l’innovazione nella regione Lazio: lavorare con i talenti ma anche per i talenti è senza dubbio uno degli obiettivi cardine di questa inaspettata stagione.

L’edizione, a causa delle restrizioni, non ha potuto dar seguito alle giornate delle accademie ad eccezione della partecipazione dell’Accademia delle Belle Arti di Frosinone che ha chiuso la fashion week con una collezione Couture Total Black. Tuttavia, la presenza dei designers delle scuole di Moda italiane è il tratto distintivo della fashion week romana degli ultimi anni.

Pionieri, scopritori, curiosi…

Questi sono i designer del 2020 che nei mesi precedenti alla fashion week hanno potuto comunicare la loro impressione, tramite la pagina ufficiale Instagram, su quello che Altaroma rappresenti o abbia rappresentato per loro: un rifugio, un’aspirazione, una connessione anche con altre realtà governative per promuovere la crescita dell’artista in una forma di Tutorship. “Che nulla resti intentato” dalle parole di Silvia Venturini Fendi che rappresentano la vera essenza di questa edizione che allaccia a sé diversi messaggi e ci preannuncia un ritorno in grande stile; ma si sa che se si è veramente innamorati di quello che si fa, il successo è già assicurato.

DAY 1: Day 1: Andrés Romo, Ronistudios, Salvatore Vignola e Studio74

DAY 2: ChiaraPerrot, Dassu’Yamoroso, Ellementi, Francesca Marchisio

DAY 3: Feelomena, Maria Sapio KnitCouture, Morfosis, Valentina Poltronieri, Accademia delle Belle Arti di Frosinone.

Fanny Trivigno

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 515A71DC41DF4E44BD64D8EB93C230B9-3.jpg

Sources:

https://www.altaroma.it/it/
https://www.instagram.com/p/CFRxLmEDKzq/
https://www.instagram.com/p/CFQBq5ZCtuz/
Official pages of Altaroma: LinkedIn, Instagram, Facebook.

#LUXURYMOMENTS: #DESTINATIONGEMS #GLAMYTASTE

Pubblicato il

Questa settimana luxury moments si sofferma sulle bellezze dell’Italia e regala ai lettori un doppio appuntamento con la Sardegna, per destination gems una Galleria di panorami mozzafiato scattati da Gabryella Yaimhat e per glamy taste una ricetta speciale dello Chef Tore, la Padellata di mare nata a Porto Taverna, una delle spiagge dal grande fascino, grazie alla sua meravigliosa sabbia e al mare dai colori che vanno dal verde al turchese. Il tutto al cospetto della spettacolare Isola di Tavolara che padroneggia il Panorama da qualsiasi angolazione e con la sua presenza protegge la spiaggia dalla maggior parte delle onde. Il posto ideale per ammirare un bel panorama e per gustare ottime pietanze.

Tavolara from The Sunrise to the Sunset
You are in my heart and thoughts

È stato il  fascino di questa spiaggia e della maestosa Isola a risvegliare in Gabryella la passione per la fotografia, Gabryella si alza ancora prima dell’Alba e si reca sulla spiaggia per fotografare sua maestà Tavolara, alta più di 500 metri,  un roccioso “rettangolo” di granito appoggiato sul  mare e circondata da una zona che offre una grande quantità di meraviglie naturali tutte pronte per essere catturate dall’obiettivo del suo smartphone, tutte foto che  immortalano l’attimo spontaneo e irripetibile con immagini che si distinguono dal gusto eclettico dell’Artista. La statuaria isola di Tavolara è sicuramente uno dei suoi soggetti prediletti, fotografandola dall’alba al tramonto e in tutte le stagioni, dalla primavera all’autunno. La sua personalità emerge nell’accentuazione di determinati punti luce e nelle sue personali angolazioni e scatti di attimi fuggenti.  Le nuvole e il mare calmo secondo l’artista sono i due requisiti fondamentali per conferire al panorama quell’aria di serena tranquillità che assicura un risultato perfetto.

Gabriella Manca, in arte Gabryella Yaimhat ha visitato i quattro angoli del mondo per poi ritornare a vivere nella sua Sardegna. Insegna scienze motorie ma è un vulcano di idee e di energie ed esprime la sua personalità dedicandosi anche all’arte e al design di gioielli, ha prodotto la sua gamma di fantasiosi gioielli, esplora l’interazione tra semplici materiali cercando di bilanciarli e armonizzarli con idee creative e divertenti prendendo ispirazione dalla sua isola, come nelle sue foto cerca sempre negli stessi luoghi elementi diversi e diverse esposizioni di luce per far esaltare particolari insoliti pur riprendendo le stesse località.

Photo Gallery by Gabryella Yaimhat

A TALK WITH … CHEF TORE PORCU

LA PADELLATA DI FRUTTI DI MARE

Nel 2013 nasce la specialità ideata dallo Chef Tore per il 12.1 in modo totalmente casuale, c’era l’esigenza di una pietanza che potesse sostituire gli spaghetti allo scoglio per soddisfare i palati esigenti di una sala piena di ospiti e da quel momento la padellata di frutti di mare diventa il piatto forte da gustare ammirando la maestosa Isola di Tavolara.

Una ricetta semplice, preziosa e dal sapore unico. Creata con frutti di mare pescati nel mare della Sardegna associati a uno spaghetto trafilato al bronzo. Il segreto: Prodotti di prima qualità legati tra loro dal tocco di un maestro, lo Chef Tore Porcu. Vi svelo gli ingredienti rigorosamente freschi: Olio d’oliva – Molluschi, cozze e vongole – Seppia – Scampi – Gamberi – Pomodorini e un cucchiaio di pomodoro fresco – Basilico e ovviamente gli spaghetti ma per la preparazione niente di meglio della dimostrazione dello chef in persona che potete seguire guardando il video che ho registrato per voi.

Maria Christina Rigano

Ph. by Francesca Santopadre

#GLAMYTASTE

Pubblicato il

The Healthy vibe: 4 Recipes that everyone could have fun replicating without giving up on wellness

Have you ever felt like… if taste is good probably the ingredients will not be that healthy?

Here an entire day, to spend among good food, fun, and healthy recipes that could be an incredible way to start the Summer and kick off bad habits.

Try to believe.

OATS PORRIDGE WITH BLUEBERRIES, KIWI AND CHIA

Serve 1

Prep Time 5 minutes

Cooking Time 5 minutes

Difficulty Easy

Ingredients:

½ teaspoon pure vanilla extract
½ teaspoon cup low-fat milk
85 gr. Oats
85 gr. low-fat plain yogurt
2 teaspoons of chia
1 medium kiwi (sliced)
60 gr. fresh blueberries

In a small saucepan, bring ½ of water, vanilla and half of the milk to the boil over high heat. Add the oats and reduce the heat to low. Simmer for 5 minutes or until thickened.

Meanwhile, place the yogurt and the chia in a small bowl and mix until combined.

To serve, pour the oats porridge into a bigger bowl. Top with the remaining milk, sliced kiwi and blueberries.

BLACK BEANS, TOMATOES, ZUCCHINI AND CORN QUESADILLA

Serves 1

Prep Time 10 minutes

Cooking Time 5 minutes

Difficulty easy

Ingredients:

60 gr. black beans, drained and rinsed
½ medium tomato, diced
2 tablespoon tinned corn kernels, drained and rinsed
60 gr. of roasted green zucchini
1 whole wheat wrap
1 small handful chopped onion
30 gr. reduced-fat cheddar cheese (optional)

Preheat a sandwich press.

Place the black beans, tomato and corn in a small bowl and mix until well combined.

Spread the pre-roasted green zucchini over one half of the wrap and lay on the sandwich press. Top with the chopped onion, black beans mixture and cheese. Fold in half to enclose the filling and gently press down the sandwich press lid.

Toast for 4-5 minutes or until the wrap is crisp or golden.

Remove the quesadilla from the sandwich press and transfer to a serving plate. Serve.

BANANA TOASTS WITH CINNAMON

Serves 1

Prep Time 5 minutes

Cooking Time 2 minutes

Difficulty Easy

Ingredients:

2 slices whole wheat bread
½ medium banana sliced
½ teaspoon of cinnamon
Whipped peanut butter (optional)

Toast the bread to your liking.

Whip the peanut butter in a small bowl first and after with a hand-held beater until it is fluffy.

To serve, spread the whipped peanut butter over the toast top with sliced banana and cinnamon.

NOODLES SOUP WITH TOMATOES, SPINACHES, CARROTS and PORK

Immagine che contiene piatto, ciotola, cibo, tavolo

Descrizione generata automaticamente

Serves 1

Prep time 15 minutes (and plus 10 minutes soaking time)

Cooking Time 10 minutes

Difficulty Easy

Ingredients:

90 gr. rice vermicelli noodles
Oil spray
½ garlic clove, crushed
½ fresh ginger, peeled
85gr. ground pork
¼ Lebanese cucumber, sliced
¼ carrot, granted or blended
1 tablespoon chopped fresh cilantro
1 small handful baby spinaches
½ teaspoon salt-reduced tamari or soy sauce
2 teaspoons lime juice
½ teaspoon honey

Place the noodles in a heatproof bowl and cover with boiling water. Leave for 10 minutes, then loosen the noodles with a fork. Drain and refresh under cool running water. Drain well and set aside to cool slightly. When cool enough to handle, cut into shorter lengths.

Heat a non-stick fry pan over medium heat and spray lightly with oil spray. Add the garlic, ginger and ground pork and cook for 5-7 minutes or until the pork is browned, stirring frequently.

Add noodles, cucumber, baby spinaches, blended carrots and cilantro to the bowl containing the pork and stir gently to combine.

Whisk the tamari sauce, the lime and honey together in a small bowl. Pour over the pork and noodles mixture and toss gently to combine. Serve.

Fanny Trivigno

Sources:
K. Itsines, The Bikini Body-28 day: Healthy, Energy and Lifestyle Guide, St.Martin’s Press, NY, 2016

#LUXURYMOMENTS: #GLAMYTASTE

Pubblicato il

A TAVOLA CON NOI … OGGI SAPORI DI CAPRI

Per completare il nostro viaggio nell’Isola azzurra e celeberrima prepariamo insieme un menù tipico Caprese. La nostra proposta inizia con un antipasto che parte dalla famosa insalata caprese seguita dai favolosi ravioli capresi di pasta fresca ripieni di caciotta e parmigiano per terminare con la deliziosa Torta Caprese preparata con cioccolato e mandorle e per finire non può mancare il Limoncello.

La caratteristica fondamentale è che tutti i prodotti utilizzati siano genuini, mediterranei e freschi, come il pomodoro, l’olio d’oliva, il basilico e i limoni, il tutto guarnito da erbe aromatiche fresche. Ingredienti normalmente presi direttamente dall’isola o dai paesi vicini. Un altro segreto, per un ottimo primo, è che la pasta deve essere assolutamente al dente per potere completare la cottura in padella ed essere amalgamata alla perfezione con il suo condimento.

INSALATA CAPRESE

L’insalata caprese è un classico conosciuto in tutto il mondo. Qui il segreto sta nella materia prima: tutti prodotti freschi e genuini. La mozzarella e i pomodori devono essere di prima scelta. La nouvelle cuisine ha proposto tante varianti ma la tradizionale è caratterizzata da pomodori e fiordilatte tagliati a fette e posizionati nel piatto in maniera alternata, aggiungere olio d’oliva e basilico, sale e origano.

RAVIOLI RIPIENI DI CACIOTTA E PARMIGIANO AROMATIZZATI ALLA MAGGIORANA, SERVITI AL SUGO

Ingredienti per 4 persone

  • Sfoglia: 2 cucchiai d’Olio d’oliva, mezzo litro d’acqua bollente, 500 gr. di farina ’00’
  • Ripieno: 2 uova, 200 gr. di parmigiano grattugiato, 300 gr di maggiorana. Caciotta di Sorrento rafferma grattugiata
  • Condimento: Parmigiano grattugiato, Basilico, Olio d’oliva, sugo di pomodoro fresco.
    N.B. La sfoglia può anche essere acquistata.
  1. La farina va sistemata a forma di vulcano, disponendo al centro olio e acqua bollente. Mescolare il tutto fino a raggiungere una consistenza abbastanza solida.
  2. In un recipiente, lavorare le uova con il parmigiano, la caciotta e la maggiorana.
    Stendere con il matterello un quarto della pasta preparata, con uno stampino e posizionare il ripieno, aiutandosi con un cucchiaino, su metà strato, successivamente prendere l’altra metà dello strato, ponendola sulla prima parte, ricoprendo così il ripieno.
  3. Separare i ravioli aiutandosi con uno stampino, ricordandosi di mantenere un diametro di 4 – 5 centimetri per ogni uno.
  4. Disporre i ravioli su un ripiano, facendo attenzione a non mescolarli.
  5. Ripetere l’operazione sino ad esaurimento della pasta e del ripieno.
  6. Cuocerli e servirli con sugo di pomodoro fresco, parmigiano e basilico.

DOLCE TIPICO CAPRESE, CONTENENTE MANDORLE E CIOCCOLATO FONDENTE

Ingredienti

  • 350 gr. di mandorle sbucciate tritate
  • 260 gr. di burro
  • 350 gr. di zucchero
  • 7 uova
  • 200 gr. di cioccolato fondente fuso
  1. Posizionare il burro reso morbido insieme allo zucchero in una scodella e amalgamarli.
  2. Aggiungere i tuorli.
  3. Successivamente preparare il cioccolato fondente a bagnomaria, tritate le mandorle e montate gli albumi a neve.
  4. Imburrare e infarinare una tortiera di circa 26 cm.
  5. Posizionare il composto e cuocere in forno a 160 gradi per 45 minuti circa.

E infine il Limoncello

Per concludere non c’è niente di meglio che gustare un liquore locale, ovvero il limoncello, che avrete acquistato durante la vostra visita all’Isola.

Maria Christina Rigano

PH. by Francesca Santopadre

#LUXURYMOMENTS: #GLAMYTASTE

Pubblicato il

A TALK WITH …
CHEF JOSEPH MANSOUR ABOUT LEBANESE CUISINE

A talk with Joseph Mansour, a Lebanese Chef from the Bekaa, Rasbaalbeck Town, will reveal why Lebanese food is the most popular one in the Middle Eastern cuisines and will tell the secrets for its success around the World with the well-known Mezzé menu, a variety of hot and cold dishes from forty up to sixty small ones presented as either appetizers or as a meal itself where we can find the renowned Hummus, a simple recipe of chickpea sauce that conquers all varieties of food cultures around the world.

His passion for cuisine started in 2007 when Chef Joseph was working in hotel management. He opened more than 10 five stars Lebanese restaurants in different states between Lebanon, Dubai, Jordan, Egypt and right now he is in Qatar for a new one there. All those wonderful experiences in different countries gave him new challenges, while choosing ingredients and designing new menus based on the seasonal availability of food items. His ability is to upgrade and Oversees a restaurant’s kitchen creating and presenting new innovating plates with the respect of Lebanese ingredients that focuses on herbs, spices, and fresh ones. Mint, parsley, oregano, garlic, allspice, nutmeg, and cinnamon are the most common seasonings. Bread is served with almost every meal, most often as a flat bread called Arabic bread.

Chef Joseph Mansour deep desire is to start guiding the Lebanese specialities to an upper level focusing on a fusion and gourmet dishes, he loves innovation and adds some touches so each dish can become the plate to serve to the grandest and most expert tastier. His style is unique, aims to inspire guests to come back again and again to see what is new in his restaurant. In love with innovations in Lebanese cuisine while adding some touches to let each dish become the grandest and most beautiful and tastier one.

Maria Christina Rigano

Hummus, a simple and delicious recipe.

Authentic hummus is easy to make it can be a great appetizer for almost any occasion or a side dish with meat. Hummus has a garbanzo bean base with tahini, olive oil and some simple spices and herbs.

Ingredients

Tahina or sesame paste:  1/4 cup
Salt
Olive oil for the top
Garlic (optional)
Lemon juice: 1 or 2 lemons
Afilla cress baby chick pease leaves
Cooked chickpeas 500 gr.
Water.

Instructions

Add tahini paste, lemon juice, two tablespoons water, garlic (if using) and salt to a food processor or blender and puree until smooth, 30 to 60 seconds. Rinse, drain, and remove any shells from chickpeas and add to the food processor. Blend for 3 minutes. If mixture is too thick, add 1 or 2 tablespoons cold water to thin it out to desired consistency.

Taste the mixture and add more salt or lemon to taste to suit personal preference.

Transfer to a serving bowl and drizzle with olive oil. Optional garnishes include chopped parsley, paprika or cumin. Store in refrigerator before eating for at least half hour.

Maria Christina Rigano

PH. by Francesca Santopadre