#LUXURYMOMENTS: #DESTINATIONGEMS

Pubblicato il

5 among the most wanted Christmas destinations

Even if limitations on international travel are still going on, we can’t stop ourselves from dreaming about a proper Christmas holiday, which most of the time, involves departure(s) from one place to another in order to reach our family, relatives or even just to have a little time to chill. As we strongly believe in a change for the travel/touristic topics, some place suggestions cannot be denied.

Here we go, Christmas (soon-to-be) travelers:

  1. NEW YORK

Half on the Christmas movies take place in NY, anyway. One of the best places to be during winter holidays is still her, the big apple so gloves on and patience in Times square! The Rockefeller Center decorated tree, which has been part of the holiday tradition since 1931, is just one of the Christmas “monuments” in NY. In the Rockefeller plaza, a little time should be invested in a romantic-winter famed ice rink race with your loved ones.There, across the street, Radio City usually hosts the annual Christmas spectacular. But before that, gifts should be assured: from the glamorous options on the Fifth Avenue department stores such as Saks and Bergdorf to the street corner of Central Park and Columbus Circle where is possible to find many gifts, clothes, snacks and drinks at the Holiday Market.

  • BATH, ENGLAND

For the most fond of Jane Austen, there’s a small place on Earth called Bath, in England, where Christmas and the author of Price and Prejudice are both greatly celebrated. This is a culture trip themed holiday: in fact the city hosts the Jane Austen center and the Theatre Royal mentioned by Jane Austen both in Northanger Abbey and Persuasion. Furthermore, there is a Bath Christmas Market with more than 170 wooden chalets selling British handmade crafts. Once Roman territory, the city of Bath is nowadays the only entire location in UK to have been designated as a Unesco World Heritage Site. In fact, the name “Bath” may be connected to the Roman baths, today turned thermae bath spas. A good way to perfectly slip into the winter season by enjoying the thermal-rich waters maybe on an open-air rooftop pool.

  • BARCELLONA, SPAIN

Not only for summer lovers, Barcelona, could be a good way to extend the Christmas holidays enjoying the big celebrations for the Three Kings’ Day (January 6). According to the Spanish tradition, Melchior, Gaspar and Balthazar arrive at the city’s port by the night (January 5) and, with their ship, are welcomed with fireworks and a parade through the streets in a luxury festive atmosphere that includes camels, elephants, giraffes and costumes.

  • HONOLULU, HAWAII

As Merlin from the animated movie “The Sword in the Stone” already knows, Hawaii are always “yaii”. It is certainty an alternative way to spend Christmas holidays, no snow allowed only high temperatures and beach parties. It is common to see Santa Claus with his proper swimming suit in the Aloha State; the celebrations officially start with the Honolulu city Lights, a monthlong Christmas display with a parade, live music and a 15-meter Christmas tree.

And a Santa Claus Hawaiian variation of 6 meters, Shake Santa, dressed down in red shorts and open shirt, takes pride of place downtown, seated next to his mu’umu’u-wearing wife, Tutu Mele.

  • ROCANIEMI, FINLAND

The tradition always mentioned the North Pole as the official base of Santa Claus and his marvelous workshop but it seems that for the Finnish tradition is not exactly like this. They strongly suggest Rovaniemi, north Artic Circle as Santa Claus Hometown. In this singular location, children could make gingerbread cookies with Santa and apply at the Elf School. It is possible to attend a calligraphy class in order to learn how to compose a Christmas wish list with a quill, of course it is not the only Christmas position available. The city also offers entertainment for animal lovers, science passionate and leisure seekers. In the first case, it is possible to visit the Ranua Wildlife Park which hosts baby polar bears, wolverines and moose. There’s also a science center called “Arktikum” where is possible to learn about the northern light phenomenon. The last step is all about resting and relaxing: since the weather allows it, it is possible to experience a “frosty” staying in at the Artic Snow Hotel, which is entirely made of ice (but also equipped with saunas and hot tubs).

Fanny Trivigno

Sources:
www.google.it/amp/s/www.cnn.com/travel/amp/christmas-destinations-2015/index.html
https://en.wikipedia.org/wiki/The_Sword_in_the_Stone_(1963_film)
https://www.countryliving.com/entertaining/g4933/christmas-traditions-around-the-world/

#LUXURYMOMENTS: #DESTINATIONGEMS

Pubblicato il

Tourism decline under Covid-19

Almost one year ago, a pneumonia detected in Wuhan, China, was first reported to WHO country office. From that starting point the novel virus spread rapidly in the country region that, as preventive measure to contain the virus, was immediately put into lockdown.

Around April, the Covid-19 cases have been confirmed at approximated 2 million in over 200 countries which all responded with NPIs, nonpharmaceutical interventions, like home isolation, voluntary/required quarantine, social distancing, closure of schools and universities and postponement of socials events and sport initiatives.

Together with these measures, international and regional travel restrictions have been introduced making the tourism demand decline: from airlines to cruises ships to hospitality sector. Particularly, the impact of the virus has been able to shout down accommodations and resources attractivity that have always been fundamental elements of the touristic supply chain; restaurants could only continue their activities through take away and delivery service but many of them prefer to close temporarily all the activities if they could not apport all the government adjustments.

In a few months, the framing of global tourism system moved from over-tourism to non-tourism as illustrates by blogging, articles and photos (Condé Nast Traveller, 2020) and it seems to be a permanent, transformative step for the tourism sector due to its own peculiar characteristics: the unsold capacity determines the tourism revenue to be permanently lost.

It is important to say that the global tourism has been exposed to many pandemic crisis in the past; some examples are the Sars (severe acute respiratory syndrome) outbreak in 2003, Swine flu 2009-2012, Mers (Middle east respiratory syndrome) in 2012 and Ebola outbreak during 2014-2016.

Even if the reasons for increasing pandemic threats in the 21st century could be connect to the rapid growth and mobile world population, the urbanization trends, the industrialized food production in global value chains and the developing of global transport networks able to act like “vectors” in the spread of pathogens, all these disease outbreaks are the result of the man-made impact on ecosystems and its diversity.

As regarding the projected impacts, various industries have already published the consequences of covid-19 for the global tourism industry in 2020. The magnitude of the impact is fundamental to understand if the pandemic will develop further.

As UNWTO mentioned, it has already been observed a 20-30% decline in 2020 international arrivals that would translate into concrete losses of tourism receipts of US$300-450 billion. The WTTC, on the other hand, estimated a loss up top to US$2.1 trillion in 2020.

For anyone employed in global tourism, the crisis has become soon a personal moment of uncertainty: many businesses have already laid off most of their staff.

In the airlines sector, at least those airlines as Scandinavian airlines, Singapore airlines, Virgin and TUI, a German tour operator, have already received an excess of US$15 billion in state aids. Furthermore, several climate campaigners have already called on governments to bail out airlines only on conditions including a focus on workers, emission reductions and carbon pricing.

In accommodation sector as well, the industry revenue forecasts a significant decline, and the domestic markets are encouraged to recover first.

Sport events and MICE, social distancing will remain a major part of NPIs strategies to limit the speed of the pandemic. According to these solutions major sport leagues a eps Europe and America have been postponed including the UEFA EURO 2020 and the Summer Olympic Games. Small and Medium restaurants as well are facing problems recovering since they usually experience limited liquidity and small profit margins.

The sub-sector of the cruises is often setting for outbreaks of infections because of their closed environment (contacts among travellers from different countries).

The American Enterprise institute (2020) has already outlined a series of steps to follow aiming at firstly containing the spread of the virus and later aiming at banish the disease for good.

The first phase should consist in slowing the spread; to move to phase two some conditions needs like sustainable reduction in new cases and the ability from the hospitals to treat all patients requiring hospitalisation without resorting to crisis standard of care, to be achieved.

Further, in the second phase, it has been suggested the majority of schools, universities and businesses to reopen but home working should continue where convenient in order to limit contact within the community.

Then, when a vaccine is developed and received authorization to be implemented, phase three should be follow and NPIs can be lifted. Only once the vaccination is completed, global tourism could re-start leading to the final phase of rebuild readiness for the next pandemic.

In conclusion, the magnitude of what the Corona-19 has been done so far was certainty unexpected but there is no urge to return to business as usual.

The pandemic itself is raising some questions ,that need to be rightfully addressed, related to the role of domestic tourism in the recovery and long-term transformations, the doubt of the pandemic as a way to “tighter” border and support nationalism, the role of the financial stimulus and the consequences for austerity and climate change: a striking lesson for sure able to accelerate, as we hope, the transformation or at least a reorganization step by step for a new sustainable tourism.

Fanny Trivigno

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 515A71DC41DF4E44BD64D8EB93C230B9-3.jpg

Sources:
Stefan Gössling, Daniel Scott & Michael Hall (2020): Pandemics, tourism and global change: a rapid assessment of COVID-19, Journal of Tourism.

#LUXURYMOMENTS: #DESTINATIONGEMS

Pubblicato il

IL LIBANO IN GINOCCHIO

Con le esplosioni a Beirut del 4 agosto dal bilancio, ancora provvisorio ma molto tragico, si contano 137 vittime, 5 mila feriti, centinaia di dispersi e 300 mila sfollati nella capitale, senza un tetto nel vero senza della parola. Palazzi crollati, abitazioni inagibili, il boato si è sentito fino all’Isola di Cipro. Quest’ultimo episodio accresce la rabbia tra i Libanesi residenti e tra quelli della diaspora internazionale. Tutti uniti per aiutare il loro paese a superare ancora una volta una tragedia, ma questa è veramente drammatica capitata inoltre in un periodo poco roseo per il Paese dei Cedri.

Il Libano stava vivendo una gravissima crisi economica e finanziaria che lo ha portato al default, è sicuramente un Paese complesso causato dal melting-pot religioso e sociale che lo compone, sfibrato da una guerra civile che è durata 30 anni, da un’instabilità politica e soprattutto economica che ha fatto crescere la rabbia degli abitanti contro lo Stato libanese che dallo scorso ottobre, a migliaia si sono riversati nelle strade per protestare. Il Libano è una nazione che importa tutto e produce poco, non ha elettricità e la sua ricchezza derivava dal settore terziario e soprattutto dal turismo che, per questioni di sicurezza, non si è più sviluppato nell’ultimo mezzo secolo. Tutti elementi che hanno messo il Libano in ginocchio.

Dal 4 agosto, I soccorritori sono sempre al lavoro tra le macerie, gli abitanti si sono rimboccati le maniche per ripulire le strade dai detriti e la diaspora libanese sparsa nel mondo è impegnata a raccogliere soldi per aiutare chi è rimasto ferito o chi ha perso la casa. Anche l’Istituto Culturale Italo-Libanese si sta muovendo tramite una raccolta fondi destinata a ricostruire un’ala, di un Ospedale, che è stata distrutta dall’esplosione, si tratta del “Karantina Government Hospital” che si trova nelle vicinanze del porto, un piccolo ospedale sito nel quartiere dove la gran parte della popolazione è povera.

Da sempre popolo del Paese dei Cedri ha dimostrato grande generosità accogliendo il più alto numero di rifugiati siriani nella regione e ancora prima di loro ha accolto i rifugiati palestinesi, molti di loro ormai inseriti nel tessuto sociale con passaporto libanese. Un giorno forse il Libano vedrà un Alba diversa ma tutto il mondo è lì a guardare e speriamo non solo… perché mai come oggi il paese dei Cedri ha bisogno del sostegno Internazionale.

Maria Christina RiganoConsigliere Istituto Culturale Italo Libanese

#LUXURYMOMENTS: #DESTINATIONGEMS

Pubblicato il

L’ARTE A PORTO ROTONDO

Porto Rotondo è sempre stata una meta di amanti del mare e del sole dove incontrare amici, bere un aperitivo in piazza, fare shopping o semplicemente ammirare le bellezze naturali, ma grazie alla mia amica appassionata d’Arte, ex compagna di scuola, Raffaella Bertone, ho potuto ammirare altre bellezze e conoscere alcune storie che caratterizzano una località dove l’arte è sempre stata una grande protagonista.

Il fiore all’occhiello di Porto Rotondo è sicuramento la Chiesa di San Lorenzo, unica nel suo genere. Ideata da Andrea Cascella e Mario Ceroli, la chiesa di Porto Rotondo è dedicata a San Lorenzo. Collocata in cima a una maestosa scalinata di granito che parte dalla piazza San Marco, la chiesa è ben visibile da chi viene dal mare ma fu Andrea Cascella a volere che il tempio di Porto Rotondo, simbolo di sacralità e insieme di vivere civile, fosse incastonato tra le case del villaggio come si usa a Venezia, e non isolato in uno spazio forse più scenografico come si era pensato all’inizio. Il soffitto è a carena rovesciata. Il corpo centrale è sormontato da una particolarissima decorazione in legno di pino di Russia realizzata come se fosse la carena di una nave rovesciata. L’ambiente è senz’altro suggestivo. Penso di non aver mai visto una piccola chiesa così riccamente decorata con arte moderna e allo stesso tempo molto accogliente. Entrando, sulla parete di destra conseguente la scala di Giacobbe, quella che conduce in paradiso, “l’ultima cena”. Sul soffitto una complessa rappresentazione del “giudizio Universale”. Sulla parete di sinistra la “Fuga in Egitto” e infine l’albero della vita e l’arcobaleno rappresentano gli elementi fondamentali dell’universo.

L’itinerario artistico proposta dalla mia amica Raffaella si è concluso la serata del 2 agosto, quando il borgo ha ospitato la quarta edizione della mostra mercato di arti visive “Le quai des artistes”, curata da Aldo Manzanares. Dalle 18:00 alle 24:00 trentuno artisti hanno esposto le loro opere nelle vie e nelle piazze di Porto Rotondo, creando un itinerario artistico a cielo aperto. L’evento si è concluso con la premiazione dell’artista Prima classificata Emanuela Giacco con l’opera ALCHEMY THRONE, una scultura tessile, realizzata con cime nautiche in polietilene, dipinte a posteriori con vernici acriliche, trattate con finitura in Paraloid. L’opera sarà ospitata nella Porto Rotondo Art Gallery del Conte Luigi Donà dalle Rose in immagine. La giuria era composta dal fondatore di Porto Rotondo Luigi Donà dalle Rose, dall’appassionata di arte Pai Hruska, dallo scultore Emmanuel Chapalain, dall’assessora comunale Sabrina Serra e dal curatore Aldo Manzanares.

L’Italia offre a chi la visita, e quest’anno molti di noi sono rimasti nel bel paese, non solo ottimo cibo, ottimo vino, paesaggi mozzafiato ma anche opere d’arte spesso non ricordate o accantonate che passano purtroppo in secondo piano rispetto a una gita in barca o alla ricerca di una tintarella sempre più dorata.

Maria Christina Rigano

PH. by Francesca Santopadre

Fonti

ARTE CONTEMPORANEA, EMANUELA GIACCO PREMIATA A PORTO ROTONDO

https://www.lanuovasardegna.it/olbia/cronaca/2020/08/01/news/questa-sera-a-porto-rotondo-ritorna-le-quai-des-artists-1.39150712

https://www.portorotondo.eu

La chiesa di San Lorenzo a Porto Rotondo

#LUXURYMOMENTS: #DESTINATIONGEMS #GLAMYTASTE

Pubblicato il

Questa settimana luxury moments si sofferma sulle bellezze dell’Italia e regala ai lettori un doppio appuntamento con la Sardegna, per destination gems una Galleria di panorami mozzafiato scattati da Gabryella Yaimhat e per glamy taste una ricetta speciale dello Chef Tore, la Padellata di mare nata a Porto Taverna, una delle spiagge dal grande fascino, grazie alla sua meravigliosa sabbia e al mare dai colori che vanno dal verde al turchese. Il tutto al cospetto della spettacolare Isola di Tavolara che padroneggia il Panorama da qualsiasi angolazione e con la sua presenza protegge la spiaggia dalla maggior parte delle onde. Il posto ideale per ammirare un bel panorama e per gustare ottime pietanze.

Tavolara from The Sunrise to the Sunset
You are in my heart and thoughts

È stato il  fascino di questa spiaggia e della maestosa Isola a risvegliare in Gabryella la passione per la fotografia, Gabryella si alza ancora prima dell’Alba e si reca sulla spiaggia per fotografare sua maestà Tavolara, alta più di 500 metri,  un roccioso “rettangolo” di granito appoggiato sul  mare e circondata da una zona che offre una grande quantità di meraviglie naturali tutte pronte per essere catturate dall’obiettivo del suo smartphone, tutte foto che  immortalano l’attimo spontaneo e irripetibile con immagini che si distinguono dal gusto eclettico dell’Artista. La statuaria isola di Tavolara è sicuramente uno dei suoi soggetti prediletti, fotografandola dall’alba al tramonto e in tutte le stagioni, dalla primavera all’autunno. La sua personalità emerge nell’accentuazione di determinati punti luce e nelle sue personali angolazioni e scatti di attimi fuggenti.  Le nuvole e il mare calmo secondo l’artista sono i due requisiti fondamentali per conferire al panorama quell’aria di serena tranquillità che assicura un risultato perfetto.

Gabriella Manca, in arte Gabryella Yaimhat ha visitato i quattro angoli del mondo per poi ritornare a vivere nella sua Sardegna. Insegna scienze motorie ma è un vulcano di idee e di energie ed esprime la sua personalità dedicandosi anche all’arte e al design di gioielli, ha prodotto la sua gamma di fantasiosi gioielli, esplora l’interazione tra semplici materiali cercando di bilanciarli e armonizzarli con idee creative e divertenti prendendo ispirazione dalla sua isola, come nelle sue foto cerca sempre negli stessi luoghi elementi diversi e diverse esposizioni di luce per far esaltare particolari insoliti pur riprendendo le stesse località.

Photo Gallery by Gabryella Yaimhat

A TALK WITH … CHEF TORE PORCU

LA PADELLATA DI FRUTTI DI MARE

Nel 2013 nasce la specialità ideata dallo Chef Tore per il 12.1 in modo totalmente casuale, c’era l’esigenza di una pietanza che potesse sostituire gli spaghetti allo scoglio per soddisfare i palati esigenti di una sala piena di ospiti e da quel momento la padellata di frutti di mare diventa il piatto forte da gustare ammirando la maestosa Isola di Tavolara.

Una ricetta semplice, preziosa e dal sapore unico. Creata con frutti di mare pescati nel mare della Sardegna associati a uno spaghetto trafilato al bronzo. Il segreto: Prodotti di prima qualità legati tra loro dal tocco di un maestro, lo Chef Tore Porcu. Vi svelo gli ingredienti rigorosamente freschi: Olio d’oliva – Molluschi, cozze e vongole – Seppia – Scampi – Gamberi – Pomodorini e un cucchiaio di pomodoro fresco – Basilico e ovviamente gli spaghetti ma per la preparazione niente di meglio della dimostrazione dello chef in persona che potete seguire guardando il video che ho registrato per voi.

Maria Christina Rigano

Ph. by Francesca Santopadre

#LUXURYMOMENTS: #DESTINATIONGEMS

Pubblicato il
Sabine Scho_Installazione per Villa Massimo si avvicina 2020 – Villa Massimo
PH by Alberto Novelli

Villa Massimo si avvicina

Un percorso d‘arte nello spazio pubblico intorno all’Accademia Tedesca di Roma

Villa Massimo era una delle maggiori ville suburbane situate lungo la via Nomentana di Roma, oggi sede dell’Accademia Tedesca di Roma e da quasi un secolo ospita a Roma artisti provenienti dalla Germania. Grazie alle borse di studio loro fornite possono vivere e lavorare per un anno a Roma. A tal fine, nel parco di Villa Massimo vengono messi a loro disposizione spaziosi atelier, con relativi appartamenti annessi. Alla conclusione del loro percorso l’Accademia Tedesca di Roma organizza annualmente la manifestazione più significativa aperta al pubblico, la Festa dell’Estate di Villa Massimo con il “Viale degli Artisti” sempre nel mese di giugno. Ma questo giugno è particolare, Il lockdown ha solo modificato lo svolgersi di questa bella iniziativa, alla quale ho sempre partecipato con grande attrattiva, facendo di necessità virtù: Gli artisti di Villa Massimo, invece di usare spazi interni dei loro studios per esporre le loro opere, hanno utilizzato le mura esterne della villa a beneficio di tutti i passanti e non solo di chi è a conoscenza dell’evento. L’idea geniale si chiama “Villa Massimo si avvicina” e si può ammirare tutti i giorni dalle ore 12:00 alle ore 22:00, iniziata il 12 giugno e prosegue sino al 30 giugno con un programma ben definito.

Il ricco programma comprende Percorso d’arte pubblica con opere degli artisti visivi Birgit Brenner, Esra Ersen, Tatjana Doll e del duo artistico FAMED spaziano da installazioni neon, video proiezioni, film a incisioni su lastre di marmo. Lo scrittore Peter Wawerzinek si esibirà dal vivo trasformandosi in cantastorie e la scrittrice Sabine Scho espone grandi fotografie insieme alle rispettive poesie in forma di manifesti affissi. Il compositore Stefan Keller è l’interprete delle sue composizioni per tabla e elettronica live, mentre il compositore Torsten Rasch avrà una postazione di ascolto con le sue composizioni ed è l’ideatore di una serie di interviste live in streaming sul canale YouTube di Villa Massimo. L’installazione degli architetti FAKT tratta la tematica del’hortus conclusus, luogo inavvicinabile ma visibile tramite una scala cimiteriale posizionata all’esterno del muro.

Villa Massimo si avvicina è stato concepito come un percorso d’arte intorno alla proprietà dell’Accademia Tedesca di Roma, Villa Massimo. Gli attuali artisti residenti, i Vincitori del Premio Roma 2019/20, espongono, lungo le mura, i loro ultimi progetti nati durante il lockdown, creati appositamente per il pubblico romano prima che la loro permanenza a Roma volga al termine a fine giugno.

“Dal 12 al 30 giugno le mura che circondano la nostra proprietà diventeranno permeabili, si trasformeranno in display e in alcuni punti in una vera e propria soglia di Villa Massimo” afferma Julia Draganović, Direttrice di Villa Massimo. “Alla fine dell’anno accademico solitamente apriamo le nostre porte per presentare i lavori dei Vincitori del Premio Roma. Quest’anno, a causa delle circostanze globali, Villa Massimo estende l’abituale evento estivo di una serata a una mostra della durata di quasi tre settimane.”

I Vincitori del Premio Roma 2019/20 sono:

Architettura: FAKT: Sebastian Kern, Martin Tessarz e Jonas Tratz
Arte visiva:
Birgit Brenner, Tatjana Doll, Esra Ersen, FAMED (duo artistico)

Composizione: Stefan Keller, Torsten Rasch
Letteratura: Sabine Scho,
Peter Wawerzinek

INFORMAZIONI sul percorso, opere e orari:

www.villamassimo.de

www.facebook.com/villamassimo.de/ www.instagram.com/villamassimo.de/

Fonti:

Comunicato stampa Accademia Tedesca

https://insideart.eu/2020/06/10/villa-massimo-si-avvicina/

#LUXURYMOMENTS: #DESTINATIONGEMS

Pubblicato il

Mostra di Raffaello alle Scuderie del Quirinale

“Ma cosa ti è mancato di più in questo periodo di lock-down?” era la domanda ricorrente quasi in tutti gli ambienti durante la pandemia del Covid-19. Le risposte potevano essere varie come l’aperitivo, l’incontro in ufficio con i colleghi, la pausa pranzo, la partita a tennis, il parrucchiere … e tanti altri momenti di convivialità, ma ciò di cui sentivo veramente la mancanza era visitare belle mostre, realmente e non più virtualmente, insieme a qualche amica nella città più bella del mondo, Roma.

Quando il giornalista della Stampa Estera Talal Khrais ha voluto intervistarmi per conto dell’agenzia Nazionale NNA-LEB (National News Agency Lebanon) e l’articolo pubblicato dall’agenzia è stato successivamente tradotto dalla dott.ssa Letizia Leonardi in lingua italiana per il sito di “ASSADAKAH” – associazione Italo-Araba, esistente dal 1944,  operativa, riconosciuta e apprezzata dalla Lega Araba e nel resto del mondo – ho espresso il desiderio di parlare della ripresa della mostra di Raffaello alle Scuderie del Quirinale che ha riaperto le porte al pubblico il 3 giugno. L’inaugurazione era avvenuta il 5 marzo scorso ma la mostra è stata successivamente chiusa a causa della pandemia. Straordinarie sono state le misure sanitarie all’ingresso, dal tappetino decontaminante al rilevamento della temperatura tramite termo-scanner oltre alla sanificazione delle mani. In una settimana di apertura oltre i 22 mila biglietti venduti, un vero sold-out, tutti pronti per ammirare la mostra evento del 2020 “RAFFAELLO 1520-1483” visitabile fino al 30 agosto di quest’anno.

La mostra curata da Marzia Faietti e da Matteo Lafranconi, direttore delle Scuderie del Quirinale, con un circuito composto da una grande rassegna con capolavori provenienti dalle maggiori collezioni italiane e internazionali. Tra queste, la National Gallery di Londra, la National Gallery of Art di Washington, il Museo Nacional del Prado di Madrid, i Musei Vaticani e gli Uffizi.

Per assicurare una buona visita per amanti dell’arte e curiosi è necessario rispettare l’orario d’ingresso indicato sul biglietto. Il percorso dura quasi un’ora e venti minuti costituito da piccoli gruppi che dovranno rispettare rigorosamente le regole da seguire e l’apposita grafica apposta sul pavimento che segnalerà il percorso unidirezionale di visita, la mascherina è d’obbligo per i visitatori oltre al mantenimento della distanza interpersonale di almeno due metri, anche tra membri dello stesso nucleo familiare.

La mostra dell’artista rinascimentale Raffaello non ha precedenti a Roma ed è stata allestita nelle Scuderie del Quirinale in occasione delle celebrazioni del 500° anniversario della morte di questo genio marchigiano di Urbino. Raffaello aveva 25 anni quando Papa Giulio II lo invitò a Roma per affidargli le decorazioni del Vaticano. L’artista visse solo 37 anni e durante la sua breve vita disegnò 287 dipinti e molte opere meravigliose.

Maria Christina Rigano

PH. BY FRANCESCA SANTOPADRE

Fonti:

http://nna-leb.gov.lb/ar/show-news/483267/500

https://www.fanpage.it/cultura/raffaello-la-mostra-riapre-ed-e-subito-boom-22mila-biglietti-venduti-in-una-settimana/

http://www.arte.it/raffaello/il-ritorno-di-raffaello-superstar-alle-scuderie-del-quirinale-17355

Roma – Riapre grande mostra su Raffaello. Parla Maria Cristina Rigano

#LUXURYMOMENTS: DESTINATIONGEMS

Pubblicato il

Set a Runaway in Capri: i must have per una vacanza sull’isola azzurra all’insegna del fashion

Più si allontanano e più le desideriamo, cosa sono?
Inutile dire che la risposta più comune in questo periodo sarebbe “le vacanze”. Mai come ora in cui le ore accumulate su Zoom, Skype e Microsoft Teams ci sembrano più delle ore vissute, ci accingiamo a pensare ad un periodo di meritato riposo “rivoluzionato” o meglio riadattato al momento attuale.
Ma se fosse possibile immaginare le onde del mare, le vacanze in barca e gli aperitivi in piazzetta…cosa vi verrebbe in mente?
5 semplici lettere che preannunciano un’attitudine minimo a 5 stelle.

Avete detto Capri? Esattamente quello che avevamo in mente.
Celebrata in tutto il mondo come set cinematografico, dal più recente Capri Batterie all’Imperatore di Capri, oltre ad essere protagonista di numerose fashion seasons, da Dolce & Gabbana a Chanel, Capri si pone ancora come una delle isole più cool ed accoglienti della nostra Penisola.
L’origine del nome, già di per sé, si presenta come espressione delle grandi epoche passate; è infatti incerto se l’origine di Capri sia da associarsi al greco antico Kapros che in realtà significa cinghiale o dal latino Capraeae, traducibile con capre. Di sicuro è possibile registrare sul suolo caprese la presenza di diversi popoli importantissimi che hanno contribuito allo sviluppo del suo patrimonio artistico e culturale, possiamo ricordare Teleboi e l’Imperatore romano Augusto di cui i celeberrimi giardini portano il nome, collocati proprio in cima dell’isola.
In seguito, arrivò a soggiornarci, per diversi periodi, l’imperatore Tiberio che la scelse come luogo di ritiro dall’indaffarata vita romana e ci fece costruire 12 residenze private tra cui Villa Jovis a Capri e Villa Damecuta ad Anacapri.
Alle soglie del ‘900, l’isola diventa luogo di rifugio di esuli russi come Massimo Gorki e Vladimir Lenin che ne omaggiano le bellezze e la elevano a piccola oasi letteraria.
Inutile dire che la storia non è altro che un dettaglio per descrivere l’azzurrissimo biglietto da visita dell’isola più poliedrica ed affascinante del Mediterraneo: ogni stradina o piccolo vicolo si presta a scatti eccezionali, complici l’altura, la luce naturale ma anche i suoi colori dal giallo dei lussureggianti limoni al rosso vermiglio degli immancabili cornetti portafortuna, rigorosamente collaudati dalla tradizione partenopea.
Appena scesi sull’isola, in prossimità di Marina Grande è d’obbligo essere premuniti di O.C.C., occhiali-cappello-camera, il trinomio indissolubile per essere agili nel percorso e al contempo essere in grado di non perdersi nessun dettaglio. Una soluzione fashion oltre che indispensabile, causa sole H24, è indossare un cappello di paglia. Esso può esser simile ad una paglietta veneziana per dare un tocco alla garçonne oltre ad essere giocoso; guardando brevemente alla praticità suggerita dalle più sportive è da menzionare la visiera di paglia, “very touristy” ma anche molto versatile e docile sui capelli più voluminosi; infine il cappello di paglia ampio è invece sicuramente una decisione più sofisticata con un tocco di vintage. Che sia neutro o in completo con il costume, con effetto hand-made o sapientemente strutturato, il cappello “da diva” si lega all’allure degli occhiali. Tondi e grandi per lo più retrò, con cordino per le scalatrici appassionate o in materiali eco-solidali per le più rispettose dell’ambiente.
Una volta giunti al centro è necessaria una sosta caffè in piazzetta.
La folla potrebbe scoraggiare soprattutto se il via vai non permette il formarsi di una coda ben distribuita; ma non temete tutto può esser affrontato con l’outfit giusto.
L’isola azzurra è nota, come tutta la costiera amalfitana d’altronde, anche per la lavorazione del lino: molte sono le botteghe che in estate espongono i propri lavori alle porte delle loro boutique ammaliando i turisti. Dal crema, all’avorio al bianco puro questi sono i toni dei negozi in via delle botteghe a Capri.
Oltre all’abbigliamento, l’isola azzurra è celeberrima anche per le calzature molto apprezzate anche in passato da personaggi pubblici del calibro di Jacqueline Kennedy che, una volta in vacanza sull’isola, si fece confezionare un paio di sandali capresi su misura inaugurando una moda destinata a non esser passeggera: il sandalo caprese infatti, oltre a rappresentare pienamente la tradizione artigianale Made in Italy, si presta alle tendenze e si evolve con le sue indossatrici rappresentando un’alternativa trendy anche di sera.
Una volta entrati nel mood dell’isola, attraverso outfits & attitudes, bisogna prenotare subito un giro in barca per poter ammirare da vicino i Faraglioni, le grotte più caratteristiche e le spiagge di Marina Grande e Marina Piccola. Sicuramente la scelta del costume non deve esser casuale: molte preferiscono l’intero al classico due pezzi se hanno intenzione di fare un bagno all’ombra dei Faraglioni causa forti correnti; le più convinte del bikini in genere preferiscono prendere il sole in barca con cappello, costume e camicia di lino coordinata. All’ora del pranzo, come anche per la cena d’altronde, c’è l’imbarazzo della scelta presso ristoranti stellati come “il Riccio” o vere e proprie boutique del gusto come “da Gemma” dove lo spettacolo culinario è associato ad esposizioni artistiche temporanee in co-working con la galleria Liquid art System Capri.
Dai ravioli capresi, agli scialatielli alla Nerano, al pesce all’acqua pazza alla più leggera caprese con mozzarella fresca, pomodoro e basilico: un trattamento light per potersi aggiudicare una fetta della torta caprese, non così leggera quanto la sua omonima insalata.
Per digerire il tutto, va segnalata una passeggiata pomeridiana a via delle Camerelle, luogo di ritrovo per lo shopping griffato ed internazionale fino Punta Tregara, dove è possibile ammirare il paesaggio accompagnati dall’odore delle bouganville.
Per la cena, gli amanti della canzone napoletana sicuramente suggeriranno “la taverna anema e core” in via Orta che rappresenta la movida caprese per chi desidera passare la serata in isola invece che dirigersi in barca verso svariate belle location. I più riservati sicuramente prediligeranno una passeggiata fino all’arco Naturale oppure una cenetta più tranquilla con giardino e limonaia.

Che sia una vacanza di qualche giorno o di qualche settimana, l’isola di Capri ha il potere indiscusso di ritagliarsi un posto speciale nel cuore dei propri visitatori, accogliendoli con garbo e classe, eleganza e raffinatezza. E si sa, si torna sempre nei luoghi che prima di farsi amare, ci hanno amato.

Fanny Trivigno

SOURCES:
https://beauty.vogue.it/magazine/fashion/2018/07/07/weekend-capri-look-giusto-lisola-azzurra/

https://www.capri.net/it/e/storia-2

Il cappello di paglia: tutti i modelli dell’estate

https://www.manecapri.com/en/magazine/where-to-buy-handmade-products-in-capri

6 piatti tipici dell’isola di Capri: quando gusto fa rima con bellezza

https://www.capripalace.com/en/services-and-entertainment/beach-club.html

https://www.dagemma.com

#LUXURYMOMENTS: #DESTINATIONGEMS

Pubblicato il
Courtesy photo by Abed Mahfouz

PAESE CHE VAI…MATRIMONIO CHE TROVI…

In Italia, per tradizione, il mese di maggio, segna l’inizio del periodo dei matrimoni, le giornate diventano più lunghe e il clima più mite, i colori e profumi della primavera insieme alla rinascita della natura con i fiori di campo, rose, tulipani, papaveri e splendidi girasoli molto adatti per creare addobbi colorati e allegri. Inoltrecon la primavera anche il menù offerto durante la cerimonia si colora arricchendosi di frutta fresca, fragole, mirtilli, sorbetti e gelati assaporati prima della torta. La primavera con le sue manifestazioni di romanticismo annuncia quindi lo sbocciare dell’amore in future nozze. Insomma, maggio sembra proprio il mese ideale per dire il fatidico “Sì”. Ma non tutti i matrimoni sono uguali e si celebrano nella stessa maniera. Il proverbio “Paese che vai, usanze che trovi” sarà riadattato all’occorrenza e diventerà “Paese che vai, matrimonio che trovi” dove tutto cambia sino dal primo incontro tra gli sposi, la scelta dell’abito, la tipologia del ricevimento e soprattutto la moltitudine di usanze, superstizioni e tradizioni molto disparate e dissimili nei diversi continenti del nostro piccolo grande mondo.

Contemplando la nostra amata Europa, in diversi paesi come l’Italia e la Francia, la legge riconosce solo il matrimonio civile contratto in municipio. Il matrimonio con rito religioso è una libera scelta dei coniugi basata sulle proprie convinzioni e credenze. Ma comunque non si rivelano enormi differenze riguardo alla varietà delle cerimonie e rispetto ai festeggiamenti che susseguono la celebrazione: la sposa di solito indossa un abito bianco o panna o al limite un colore pastello, rari sono quelli che indossano l’abito colorato al primo Sì. Spesso lei sceglie un abito su misura confezionato in un Atelier di sartoria che assomiglia a quello che ha sempre sognato da bambina, un abito che la fa sembrare la principessa del reame, nelle sue mani un bouquet di rose che lancerà prima del taglio della torta, sperando che l’amica del cuore – ancora single – lo possa afferrare al volo. Infine, non manca mai l’usanza di distribuire i confetti e le bomboniere e di fare tante foto con parenti e amici. Piccole possono essere le differenze tra un paese europeo e l’altro, ma se ci allontaniamo e cambiamo continente, atterrando ad esempio in Asia, anche Cina, Giappone e India hanno usanze e credenze totalmente diverse tra loro. In Cina, il bianco è il colore dei funerali e della morte quindi la sposa si veste di rosso. Tradizione curiosa è l’obbligo del digiuno e il silenzio della sposa nel giorno delle nozze oltre allo scambio di oche come simbolo di lunga vita e l’uso di ombrelli durante il corteo nuziale. In Giappone, si crede di dare vita a delle coppie sposate molto affidabili e sicure tramite l’usanza di combinare matrimoni seguendo criteri quasi cartesiani, qui sembra che la ragione vinca sul cuore: verso i 25 anni la ragazza prepara una propria scheda personale con studi, aspirazioni lavorative, preferenze e hobbies, la inoltra in giro tra colleghi di lavoro, parenti e amici e verrà contattata da ragazzi in cerca di moglie e soprattutto che si intuiscono affini o in cerca dei requisiti elencati nella scheda che descrivono una moglie ideale.  Il rituale matrimoniale shintoista è molto suggestivo. Gli sposi, con indosso due kimoni particolarmente fastosi, bevono ciascuno tre volte da una ciotola con dentro riso e sakè. In India invece è la famiglia che combina i matrimoni, la cultura indiana basa tutta la società su una rigida divisione in caste ed è prassi comune combinare i matrimoni quando i bambini sono ancora piccoli. Il giorno prescelto per il rito deve capitare in un momento astrologicamente favorevole e i festeggiamenti iniziano sette giorni prima delle nozze e continuano a lungo. Il rito indù prevede che la sposa indossi un sari di seta rossa. L’uomo, invece, veste di bianco e tutti gli invitati indossano ricche vesti di seta colorata. Invece nei Paesi arabi di cultura islamica, gli sposi sono accolti dagli “Zaffa” un gruppo di danzatori e percussionisti che li circondano e cantano per celebrare il lieto evento. Una volta nella sala gli sposi prendono posto su due troni, prima dell’arrivo degli invitati.  Nella cultura mediorientale, prima del matrimonio si celebra il fidanzamento ed entrambi i futuri sposi indossano la fede all’indice destro, il giorno del matrimonio tale fede cambia posizione e si trasferisce all’indice sinistro. Nel corso dei festeggiamenti è necessario rispettare le regole della tradizione islamica, per cui uomini e donne dovrebbero essere separati, ma ultimamente si festeggia tutti insieme. Il banchetto si contraddistingue per l’ottimo cibo accompagnato da un intrattenimento di canti e musiche.  Il primato spetta ad Istanbul con i suoi 166 mila sposalizi all’anno. In Turchia le celebrazioni durano tre giorni. Durante il primo gli sposi si preparano, aiutati dai parenti; il giorno successivo la sposa viene portata in braccio dal padre e dallo zio fino alla casa del futuro marito: per tradizione i suoi piedi non devono toccare terra, consuetudine comune anche ad altre popolazioni, come quelle berbere del nord Africa. Nel frattempo, i genitori dello sposo hanno offerto in sacrificio una pecora. L’ultimo giorno, l’Iman celebra il matrimonio vero e proprio. La sposa veste in bianco, ma il volto è coperto da un velo rosso, simbolo della verginità. Anche nello Yemen altro paese dove i riti matrimoniali sono molto diversi da quelli di altri Paesi della penisola arabica: costosi, ricchi e soprattutto lunghi. Nella capitale Sana’a la cerimonia diventa un’occasione per gareggiare in ostentazione. Alla festa partecipano anche musicisti professionisti con il compito di allietare gli sposi. Ma il ruolo della musica è così importante e rituale che tutti gli invitati si alternano agli strumenti per suonare.

Un matrimonio molto romantico è sicuramente quello delle Isole Fiji che per tradizione, si tiene poco prima del tramonto in riva al mare, regola mantenuta viva per i turisti che vogliono sposarsi nelle Fiji con rito civile. Poi non si può dimenticare Las Vegas, ultima tappa del nostro viaggio, la capitale mondiale dei matrimoni dove si celebrano circa 8400 nozze al mese, cioè uno ogni 5 minuti! Per sposarsi basta presentarsi al Marriage Licence Bureau, la licenza è pronta e ci si può sposare in una delle oltre cento cappelle della città. Ognuna con i suoi riti e i suoi ministri, puoi trovare anche il sosia Elvis Presley. Il matrimonio è valido a tutti gli effetti, basta ricordarsi di fare la trascrizione una volta rientrati al paese d’origine

Maria Christina Rigano

PH. by Francesca Santopadre

Fonti:

https://www.matrimonio.com/articoli/tradizioni-di-nozze-nel-mondo–c1739

Matrimonio nel Mondo: Usanze e Tradizioni

https://www.focus.it/cultura/curiosita/viva-gli-sposi

https://www.matrimonio.com/articoli/matrimonio-musulmano–c4269

#LUXURYMOMENTS: #DESTINATIONGEMS

Pubblicato il

To all Mothers… with Love

« L’avenir d’un enfant est l’oeuvre de sa mère »

Napoléon Bonaparte

While in May roses and daisies are blooming around, sons and daughters from around the world are setting up plans to surprise their own mothers during their celebrative day.

So, hurry up or run like the wind, most of the time not exactly as figurative as expected, to fetch the best bouquet or the most appropriate last anti-wrinkle lotion (what sweet girls we are).

But how it all started? Is it celebrated in the same way and at the same time in all countries?

Let’s find it out.

According to the writer and suffragist, Julia Ward Howe, the idea of celebrating a mothers’ day was born in Boston in the late 19th century, as a chance to gather together women for peace. However, some other sources declare that the celebration, as we all know it, has been brought to life by the west Virginia activist Anna Jarvis.

Later on, Anna Jarvis organized several Mother day work clubs with the aim of addressing topics like child rearing and public health together with the commemoration of mother’s work, who was a community advocate.

The observation became official in USA, in 1914, when the then American president Woodrow Wilson proclaimed the second Sunday in May as “the celebrative day” for the expression of love and devotion for our mothers.

Nowadays, the motherhood recurrence does not involve always all the same elements and customs.

In France, for example, the celebration has been legally established in 1950, “la fetes des mères” to take place on the fourth Sunday of May except when it overlaps religious fundamental recurrences: generally when this happens, the former is postponed. Anyway, if you should make a comparison with the American version, it is possible to say that cards, cakes, dinners and flowers are still in France, the most common gift during that day.

In UK, the celebration has been observed on the fourth Sunday of Lent and it has been called Mothering Sunday since the early 16th century. Families used to gather together and to attend the mass. Later on, it evolved into traditional time at home. And this year, the tradition has been fully respected.

Some other countries are extremely fond of this celebration. One example is Mexico. Here, some years ago, it has been reported to the Washington post that the Mother’s day is the busiest day for Mexican restaurants. A fun fact to mention is that as a present for their mothers, it is common to dedicated them a serenate of the song “Las Mananitas” performed by Mariachi.

Japan, on the other hand, connects the celebration with deep meanings too. Initially aligned with the Empress Koujun, nowadays it has been estimated that the 87% of adult men regularly plan something on their Mothers’ day.

In Russia during the Soviet Union Regime, the mothers were celebrated on March 8, the same day of the International women’s day to honor not only motherhood but also gender equality. From the late 90s, Russia introduced Mother’s day on the last Sunday in November.

As for some Arab countries, like for example Egypt and Lebanon the Mother’s day is celebrated on March 21 which is also the first day of spring.

As for Italy, as we all know, the Mother’s day is celebrated on the second Sunday of May, this year 2020, on May 10th. It was during this lockdown, when the world is still holding its breath, celebrating our mothers is only possible from a certain distance. If the delivery is not enough to amaze them let’s move to the screen. An available option could be the use of a Zoom call for a little virtual house-party; for the occasion it has been made up a partnership between Dove and Zoom which allowed unlimited calls just for Mother’s day without the risk of getting cut after the 40 minutes time limit on ordinary meetings.

In conclusion, a big thanks to all the mums through time is certainly needed; not only today but for all the moments we had to be proud to be their sons and daughters.

Fanny Trivigno

SOURCES

https://time.com/94286/mothers-day-2014-world/

https://edition.cnn.com/2020/05/10/us/mothers-day-history-trnd/index.html

https://www.refinery29.com/en-us/2020/05/9794592/virtual-mothers-day-ideas-zoom