#leparoledelleemozioni

Pubblicato il

Forza

Il termine forza per me ha due accezioni, diverse tra di loro ma pur sempre inscindibili. La forza per me è collegata sia al vigore fisico, che alla forza interiore: la volontà d’animo.
La forza è il motore della vita, è ciò che mi permette di cercare di essere una persona migliore ogni giorno, è la capacità di opporsi agli ostacoli affrontandoli senza paura. Sono sempre stata affascinata da essa e per questo motivo, ho deciso di perseguirla anche sul piano fisico dedicandomi alla pesistica: l’emblema della forza per eccellenza. Questo sport mi ha forgiato soprattutto mentalmente, mi ha reso una persona più forte. I pesi, come le difficoltà della vita, mi hanno insegnato a non avere paura di fallire e reagire con più grinta alle avversità.
La forza è audacia, caparbietà e resilienza.

Michela Fedeli

#leparoledelleemozioni

Pubblicato il

Fiducia

La parola che ho scelto è ‘fiducia’. Ad oggi penso sia una delle parole più difficili da spiegare. “Fidati di me.” Ogni volta che sento dire questa frase inizio a percepire delle sensazioni molto strane. Oggi non è molto semplice fidarsi di qualcuno e in particolare delle sue parole. Non tutti danno un peso alle parole, che molto spesso vengono dette a caso. “Ti amo”, “ti voglio bene”. Queste sono due delle frasi più comuni che non vengono dette sinceramente. Ma chi le ascolta ha la possibilità di decidere se crederci o meno. Guadagnarsi la fiducia di qualcuno richiede moltissimo tempo, ma ce ne vuole talmente poco per perderla completamente. Quando questo accade, la “fiducia” diventa dispiacere, tutto viene considerato come un inganno. 
La parola “fiducia” è una parola piena di significato, che va utilizzata con molta attenzione. 

Lisa Pellecchia

#leparoledelleemozioni

Pubblicato il

Felicità

La felicità è una questione complicata da quando ho iniziato a scrivere ciò che penso.
Quando sono felice non riesco a scriverlo, invece quando scrivo spontaneamente sto spesso male. Ed è difficile dare un giudizio alla felicità quando una delle cose che ti piace fare non ti riesce quando sei immersa nella vie en rose. Allora via libera alla malinconia.
Saprei subito esporre i miei picchi di tristezza. Non saprei rispondere con altrettanta fermezza alla domanda: quando sei stata felice? Eppure sono stata più felice che triste, ma non l’ho mai scritto.
Quando si è felici bisogna farci caso. La contorsione della pancia, la tensione della pelle, la concentrazione della mente. Non so se mi sentirò più così, per questo è importante scriverlo. La felicità passa e quando passa sembra non essere mai stata qui.

Noemi Ferraguzzi

#leparoledelleemozioni

Pubblicato il

Esperienza

Se si pensa a quanto spesso viene utilizzato questo termine nell’uso quotidiano ci si potrebbe davvero sorprendere. Cos’è l’esperienza?
Mi verrebbe da rispondere istintivamente che è qualcosa che giace dentro di noi, che un po’ per caso e un po’ per nostra volontà inglobiamo nel corso della nostra vita. Questa parola suscita molte sensazioni diverse dentro di me, dall’entusiasmo al dolore, dalla scoperta alla paura. Esperienza è quello che porti a casa dopo un lungo viaggio. Esperienza è ciò che impari dopo una sconfitta o una delusione. Esperienza è sapere che comunque vada c’è sempre un lato costruttivo delle cose. Qualsiasi avventura noi intraprenderemo avrà sempre fine nell’esperienza la quale, volta dopo volta, si instaurerà come tratto marcato in ognuno di noi.

MariaMaddalena Ambrosca

#leparoledelleemozioni

Pubblicato il

Equitazione

Questa parola per me ha un significato molto importante perché identifica la prima cosa che mi ha emozionato a tal punto da diventare la mia vera passione.
Ho sempre amato gli animali ed in particolar modo i cavalli.
Quando i miei genitori mi hanno dato la possibilità di iniziare a praticare questo sport mi sono resa conto dell’immensa gioia che mi procurava avere un contatto così ravvicinato con questi animali. Prendersi cura di un cavallo, sellarlo, poterci salire sopra ed infine riuscire ad entrare in empatia fino ad arrivare ad instaurare un legame di fiducia e rispetto reciproco sono solo una piccola parte delle sensazioni meravigliose che solo uno sport particolare come l’equitazione può regalare. Non potrei spiegare in nessun altro modo questa parola se non riassumendola in questo modo: felicità.

Carlotta Macrini

#leparoledelleemozioni

Pubblicato il

Empatia

Una parola che ha una profonda potenza evocativa è Empatia.
Ritengo che, in questo periodo storico in particolare, l’abilità di saper comprendere l’altro sia fondamentale.
Questa capacità è da sempre per me un fardello ma allo stesso tempo un dono, saper leggere le emozioni altrui e con una parola, un gesto o uno sguardo, trasmettergli la propria vicinanza.
In una società individualista e oltremodo sofferente, praticare la gentilezza è un’arma potentissima, dobbiamo imparare a osservare ogni cosa come parte di un’indivisa interezza, e riconoscerci in quell’unità.

Gabriele Bianconi

#leparoledelleemozioni

Pubblicato il

Domenica

Questa parola racchiude sensazioni e piccoli piaceri amalgamati ai miei ricordi personali. 
Mi riporta alle domeniche vere, quelle di qualche mese fa, prima che tutto venisse scombinato.
Mi fa ripensare alla tipica Domenica, quando ci si incontrava a mezzogiorno per pranzare fuori tutti insieme e si andava poi allo stadio per la partita.
Esprime forti emozioni legate alla condivisione ed allo stare insieme, due cose che sono sempre state date per scontate e solamente adesso ci rendiamo conto del loro valore.  

Danila Di Stefano

#leparoledelleemozioni

Pubblicato il

Determinazione

Determinazione è la parola che più mi rappresenta, è una componente essenziale della mia vita che crea in me uno stato di armonia e mi dà la spinta per raggiungere i miei obiettivi. Non sono sempre stata così, in passato ero superficiale, ma crescendo mi sono prefissata dei traguardi che mi hanno dato la forza ad impegnarmi di più ed andare oltre le mie possibilità. La grande sfida che oggi mi trovo ad affrontare è caratterizzata dal mio particolare percorso universitario, con lo studio della lingua inglese e araba. 
Fin da piccola ho sempre trovato interessante la conoscenza delle culture straniere, in particolare per quella araba che mi ha affascinato a tal punto da desiderare di trasferirmi e lavorare, in futuro, in Arabia Saudita. 

Sofia Bisonni

#leparoledelleemozioni

Pubblicato il

Democrazia

La parola democrazia deriva dal greco unendo uniformemente demos (popolo) e kratos (potere). È una delle più antiche forme di governo della storia dell’uomo ed è un vocabolo capace di suscitare in me emozioni fortissime ogni qual volta è pronunciato. Provo grande felicità, grande tranquillità e serenità. Un sentimento di gioia e profonda gratitudine nella consapevolezza che in un regime democratico ogni essere è assolutamente libero di esprimersi e di relazionarsi con il mondo che lo circonda. Non solo, il vocabolo da me scelto focalizza l’attenzione anche sull’equilibrio che deve esserci all’interno di un sistema democratico, basato sul rispetto delle regole del vivere civile e dell’altro che risiede accanto noi.
“È meglio la peggiore delle democrazie della migliore di tutte le dittature” (Sandro Pertini).

Mario Pepe

#leparoledelleemozioni

Pubblicato il

Cuccuma

cùccuma s. f. [lat. cŭcŭma o cŭccŭma]. – 1. Recipiente di rame o di altro metallo per la preparazione del caffè in famiglia; detto anche bricco.
Questa parola mi rimanda alla mia infanzia, ai pomeriggi che passavo con mia nonna subito dopo scuola, quando con la sua voce clemente, ma severa, mi chiedeva di preparare la “coccuma” per fare il caffè, così lei la chiamava: “coccuma”. Questa parola è così importante per me perché mi ricorda momenti che furono, odori e sapori che ormai hanno assunto tutt’altro significato con il passare del tempo.
Ormai questa parola è praticamente in disuso, forse sconosciuta a molti ed è proprio per questo che la ritengo cara e preziosa, oltre ad avere per me valore affettivo. Credo sia importante preservare e custodire le parole perché sono fondamentali per la storia e la cultura della lingua e per far sì che non si dimentichino le loro origini, includendo il bagaglio emotivo che portano con sé.

Giorgia Santi