#GUESS WHO? LA REGINA VITTORIA

Pubblicato il

Ricordata per il suo carattere determinato, volitivo e autoritario, la regina Vittoria viene considerata una delle donne più influenti del XIX secolo, al punto che a partire dal suo nome venne definita l’”epoca vittoriana”, un’era che si distinse per la profonda evoluzione culturale, politica, scientifica e militare che ha avuto come protagonista il Regno Unito.

Sapevate che…?

Nata nel 1819, era la figlia di Edoardo, duca di Kent, quartogenito di Giorgio III, e di Vittoria Maria Luisa, figlia di Francesco di Sassonia-Coburgo. Alla bambina venne dato il nome Alexandrina Victoria in quanto il Principe reggente, per fare un dispetto al fratello, invitò lo zar Alessandro I di Russia a far da padrino al fonte battesimale. In famiglia, tuttavia, la chiamavano Drina e, appena salita al trono, la regina si disfece del primo nome, che detestava, restando solo Victoria.

Al momento della nascita, era in realtà soltanto la quinta in linea di successione al trono dopo suo padre e gli zii: Giorgio IV di Hannover, Principe Reggente, il Duca di York e il Duca di Clarence. Suo padre, tuttavia, morì qualche mese dopo la sua nascita e nessuno degli zii riuscì ad avere eredi; così, nel 1837, appena diciottenne, Vittoria ebbe la successione dello zio Guglielmo IV e divenne regina.

Nel 1836 conobbe il suo futuro marito, Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha, principe tedesco nonché suo cugino di primo grado. I due si sposarono nel 1840 ed il loro fu un matrimonio particolarmente felice. Durante la cerimonia, Vittoria indossò un memorabile abito bianco adornato da alcuni merletti che fece la storia: a partire da quel momento, infatti, sempre più spose scelsero di vestirsi di bianco consolidando una tradizione che permane ancora oggi.

La modernità di Vittoria è testimoniata anche dalle innovazioni di cui fu fautrice durante il suo regno, fra le quali si annoverano la diffusione del sistema ferroviario e la stampa del primo francobollo al mondo, che avvenne nel 1840: si tratta del cosiddetto Penny Black, che riproduceva un’effigie della Regina stessa.

Con il suo regno durato 63 anni, 7 mesi e 2 giorni, Vittoria è stata inoltre la monarca più longeva della storia fino al 2015, quando il primato è stato superato dall’attuale regina del Regno Unito Elisabetta II, sua pronipote.

#GUESS WHO?: ALBERT EINSTEIN

Pubblicato il

Considerato il più grande scienziato del XX secolo, Albert Einstein è universalmente conosciuto per aver sviluppato la teoria della relatività, oggi alla base della fisica moderna, e per aver teorizzato l’equivalenza concettuale tra massa ed energia, espressa dalla famosa equazione E = mc².

Sapevate che…?

Nacque nel 1879 a Ulm, in Germania, da una benestante famiglia ebraica. Da giovane mal tollerava il sistema scolastico, da lui considerato eccessivamente rigido, ma sembrano essere infondate le voci che lo ritraggono come un cattivo studente – al contrario, ottenne buoni voti soprattutto in matematica e latino. Nel 1985, invece, tentò il test di ammissione al Politecnico di Zurigo, senza superarlo per insufficienza nelle materie letterarie: dovette ripeterlo una seconda volta.

Nel 1921 vinse il Premio Nobel per la Fisica, ma non per la teoria della relatività che lo ha reso noto, bensì per la sua scoperta della legge dell’effetto fotoelettrico.

Nel corso della sua vita ebbe tre cittadinanze diverse. Nato tedesco, nel 1901, dopo aver soggiornato a lungo per motivi di studio e lavoro in Svizzera, fu naturalizzato svizzero. Nel 1940 acquisì invece la cittadinanza statunitense e non fece più ritorno in Europa, rimanendo negli USA fino alla sua morte.

Nel 1952, alla morte del Presidente d’Israele Chaim Weizmann, il Primo Ministro di allora gli offrì l’incarico come successore, ma egli declinò l’offerta motivando la sua scelta con la mancanza di esperienza e inclinazione, due caratteristiche ritenute da lui fondamentali per diventare presidente.

Alla sua morte, Thomas Stoltz Harvey, il patologo che effettuò l’autopsia sul suo corpo, asportò il cervello di propria iniziativa e lo immerse nella formalina all’interno di un barattolo sottovuoto che custodì a casa propria per oltre trent’anni.

#GUESS WHO?: MICHELANGELO BUONARROTI

Pubblicato il

Fra i massimi artisti di tutti i tempi, considerato il genio del Rinascimento, è stato pittore, scultore, architetto, nonché poeta, e ha lasciato un’eredità artistica che ha influenzato per sempre i secoli a seguire: stiamo parlando di Michelangelo Buonarroti.


Sapevate che…?


Nacque a Caprese da una famiglia di nobili fiorentini che, da quello che si dice, versava in condizioni economiche poco favorevoli: pare infatti che uno dei motivi per cui il giovane Michelangelo approdò alla bottega di Domenico Ghirlandaio era rappresentato anche dalla necessità di riscuotere il denaro dell’apprendistato, grazie al quale il ragazzo poté ricevere un’istruzione classica.


Durante la sua vita ha potuto godere dell’appoggio di influenti mecenati del calibro di papa Alessandro VI, papa Giulio II e Lorenzo il Magnifico, il quale fu talmente colpito dalla grandezza delle sue opere da accogliere l’artista come suo ospite proprio nella residenza medicea di via Larga.


Si dice che non avesse un carattere affabile, ma che al contrario fosse particolarmente irascibile: uno degli aneddoti sulla sua persona prevede che un giorno, infuriato, colpì con un pugno talmente violento il volto dello scultore Pietro Torrigiano da comprometterne la fisionomia. Sembra, inoltre, che in un’altra occasione se la prese a tal punto con un cliente che voleva pagare un dipinto da lui commissionato a un prezzo inferiore rispetto a quello concordato, che perse la pazienza e si riprese indietro l’opera: a quel punto il cliente fu costretto a pagare una cifra doppia per riavere indietro il dipinto.

È noto che fra lui e Leonardo da Vinci ci fu sempre una rivalità accesa, unita tuttavia a un profondo rispetto reciproco. L’episodio emblematico che alimentò le incomprensioni fra i due artisti pare essere quello riguardante la realizzazione della decorazione per la Sala Grande del Consiglio di Palazzo Vecchio a Firenze, che venne commissionata ufficialmente a entrambi ma che non fu mai concretizzata.

#GUESS WHO?: WILLIAM SHAKESPEARE

Pubblicato il

A partire dalla notizia uscita qualche giorno fa sulla netta somiglianza e omonimia che lega l’attrice newyorkese Anna Hathaway e suo marito Adam Shulman alla figura di William Shakespeare e di sua moglie, sembra che i due amanti del ‘600 sarebbero legati da una teoria ovviamente non confermata che li vede come due viaggiatori nel tempo, per via della eco lasciata dal loro grande amore.

Perché non ricordare qualche curiosità su questo grande poeta del ‘600? William Shakespeare è uno dei drammaturghi più amati di tutti i tempi e degli scrittori più celebri della cultura occidentale.

Lo sapevi che..?

Le sue opere sono state trasposte in 360 versioni cinematografiche piuttosto fedeli, e in 63 versioni liberamente ispirate. Senza contare tutti i film indipendenti e le parodie diffuse ovunque.

Si racconta che i genitori e i figli di Shakespeare fossero analfabeti. Con tutta probabilità nessuno dei suoi parenti sapeva tantomeno leggere o scrivere, mentre William frequentò le scuole a Stratford.

Shakespeare sposò a 18 anni una donna più grande di lui di 8 anni, Anne Hathaway appunto, che era incinta di tre mesi. Tre anni dopo nacquero i gemelli Hamnet e Judith.

La morte dei suoi figli e dei suoi nipoti senza figli ha portato all’estinzione del suo albero genealogico.

Probabilmente Shakespeare non si scrive così. Secondo le fonti del tempo ci sono oltre 80 modi diversi di scrivere Shakespeare, da “Shappere” a “Shaxberd”. Nessuna della sei firme che si conservano fino ad oggi possiamo ritrovare il cognome scritto così come lo conosciamo oggi. Infatti si firmò “Shakespe”, “Shakspe”, “Shakspere”,“Shakespear” “Willm Shakp,” “Willm Shakspere” and “William Shakspeare”.

Inventò ben 1700 parole ed espressioni: un vero creatore e ampliatore di vocabolario, creò nuove locuzioni come fashionable”, “eyeball” , “wild goose chase”, “swag” etc, entrate nel linguaggio comune, oltre a molte espressioni popolari come “non è tutto oro quello che luccica” oppure “ molto rumore per nulla”, alcune delle quali sono anche dei titoli di commedie.

Si pensa che possa avere delle origini italiane: il suo vero nome era forse Guglielmo Spaccalancia, figlio di una nobildonna siciliana e perseguitato a causa della religione calvinista. A sostegno di questa tesi c’è infatti l’amore di Shakespeare per l’Italia, l’ambientazione di molte sue opere e la conoscenza non solo del teatro italiano ma anche della sua lingua.

#Guess who?: Walt Disney

Pubblicato il

Creatore della “fabbrica dei sogni” che ha nutrito la fantasia dei bambini di tutto il mondo, mente che rivoluzionò per sempre la storia del cinema, dell’animazione e dell’intrattenimento, oggi parliamo di…Walt Disney!

1) “Ceci n’est pas un Disney”: il vero cognome di Walt era D’isigny, non Disney, cognome di origine francese e originario di un paesino chiamato Isigny-sur-Mer. Tutto ebbe inizio quando gli antenati di Walt immigrarono dalla Francia agli Stati Uniti e alla domanda di richiesta del cognome risposero D’isigny, che gli ufficiali americani, non conoscendo la lingua, fraintesero e trascrissero male e lo americanizzarono in Disney, cognome che venne tramandato alle successive generazioni.

2) Niente barba e capelloni: la policy di Disney e della corporation riguardo a chi decideva di farsi crescere la barba era assai severa e lo è stato fino a pochi anni fa: fino al 2012 era espressamente vietato agli impiegati di farsi crescere barba e baffi. Tale ‘invito’ era esteso anche agli ospiti del parco Disneyland, fino al 1970. Ancora oggi nei programmi di assunzione della Disney è espressamente richiesto ai candidati un look glabro.

3) Le ultime parole famose: le parole finali di Disney sono destinate a rimanere avvolte nel mistero. Sul letto di morte l’artista scrisse su di un foglio “Kurt Russell”, nome dell’allora giovanissimo attore che ai tempi aveva già lavorato per alcune film della Disney. Ma nessuno ha mai capito il perché di tutto questo.

4) L’uomo dei record: durante i suoi 34 anni di carriera, Walt Disney ha collezionato ben 59 nomination, 22 premi Oscar e ben 4 Oscar onorari alla carriera!


5) Prima che fosse Mickey Mouse…: il nome originale della creaturina dalle orecchie a parabola era originariamente ‘Mortimer Mouse’ ma, suonando troppo macabro, dietro saggio consiglio della moglie, Walt decise di cambiarlo in “Mickey Mouse”. Mortimer fu però “riciclato” per dare il nome a uno dei grandi rivali in amore di Topolino (in italiano “Topasio”), e al bisnonno di Minnie.

6) Accoppiata vincente: Nel 1945 due grandi artisti e visionari decisero di collaborare per creare qualcosa di unico. Erano Walt Disney e Salvador Dalì, che si misero al lavoro per realizzare una fiaba surreale in cartoni animati, intitolata “Destino”. Purtroppo rimangono solo alcune immagini del progetto, che fu bruscamente interrotto. Quando Dalì andò a trovare Disney nella sua magione, fu invitato a cavalcare assieme il trenino che attraversava tutto il perimetro dell’abitazione. Peccato non ci sia nessuna foto a testimoniare l’avvenimento…

7) Un doppiatore d’eccezione: dal 1928 (“data di nascita” di Mickey Mouse) al 1947, la voce di Topolino fu proprio quella del suo creatore, Walt Disney!

8) Il logo non è la vera firma: ebbene sì, il celeberrimo logo Disney non coincide con la firma reale del fondatore. Si tratta infatti dell’elaborazione gonfia e stilizzata della sua firma ufficiale, così come i suoi cartoni sono una rivisitazione ideale della tradizione fiabesca.

9) Walt Disney in Disney: forse non tutti sanno che il personaggio di “Macchia nera”, acerrimo nemico di Topolino, non è altro che la caricatura di Walt Disney.

10) Temuto boss: Forse non era poi così tirannico e capriccioso come venne ritratto dal biografo Marc Eliot, certo è che Disney non si risparmiava sfuriate e atteggiamenti da decisionista. Anche per questo era molto temuto dai suoi disegnatori e collaboratori, che avevano elaborato un’espressione in codice per annunciare che Walt si stava avvicinando e che si doveva riprendere subito a lavorare: “Man is in the forest“.

“If you can dream, you can do it!”