DQ is the new IQ

4 giugno 2018 Non attivi Di Giulia

Il mondo ha bisogno di quoziente digitale

Quoziente digitale, in inglese Digital Quotient (DQ), è un termine coniato nel 2016 dal DQ Institute. Ma a cosa si riferisce? Se state pensando alle competenze tecnologiche necessarie per utilizzare lo smartphone o per navigare in internet siete fuori strada.

Per DQ si intende “the sum of social, emotional and cognitive abilities that enable individuals to face the challenges and adapt to the demands of digital life”. Si tratta quindi di abilità sociali, emotive e cognitive che consentono all’individuo di affrontare e di sapersi adattare alle sfide derivanti dal mondo digitale.

A differenza del quoziente intellettivo, in inglese Intelligence Quotient (IQ), comunemente visto come un’intelligenza geneticamente determinata, il DQ è qualcosa che deve essere costruito. È un precursore fondamentale dello sviluppo delle competenze del XXI secolo per la forza lavoro futura perché, come una lingua, è assorbito in modo più efficace in giovane età. Uno dei rischi legati a un basso livello di DQ è rappresentato dalle fake news. Ancor più grave, se a esserne vittima sono i bambini, sempre più protagonisti del mondo digitale. Secondo un recente studio condotto su 38.000 bambini di età compresa tra 8 e 12 anni provenienti da 29 Paesi diversi, oltre la metà è esposta ad almeno una minaccia correlata online. Tali minacce includono una riduzione dell’empatia digitale, che porta a un aumento dell’ansia e delle pressioni sociali tra pari come dipendenza digitale, cyberbullismo, furto di identità digitale, cattiva gestione della privacy online ed esposizione a operazioni di disinformazione digitale. Ciò che è ancora più allarmante è che i giovani dei Paesi emergenti sono stati 1,3 volte più esposti dei loro coetanei che vivono nei paesi avanzati digitalmente. Per tale motivo nel marzo del 2017 il DQ Institute, in collaborazione con il World Economic Forum, ha lanciato il movimento #DQEveryChild con lo scopo di diffondere l’educazione digitale a tutti i bambini.

Per approfondimenti consulta l’articolo “Forget IQ. Digital intelligence will be what matters in the future”.